Arriva maggio e tornano a cantare i maggerini | MaremmaOggi Skip to content

Arriva maggio e tornano a cantare i maggerini

Si va dai “Carbonai di Maremma” a “La Monticellese, dai “Pettirossi di Roccastrada” ai “Pici ‘gnoranti” ai “Maremma biutifulle”, tutti torneranno a cantare nel segno della tradizione
Alcuni gruppi di maggerini che cantano il maggio in Maremma
Alcuni gruppi di maggerini in Maremma, da sinistra (in senso orario): i Maremma biutifulle, il Gruppo tradizioni popolari di Braccagni aps Galli Silvestro e i Carbonai di Maremma

GROSSETO. L’arrivo del maggio è onorato fin dal tempo dei romani e la Maremma anche in questo 2023 non perde la tradizione. Anzi, il ritmo visto che si suona e si canta.

Sì perché, sempre come tradizione vuole, dall’Amiata al Tirreno questi sono giorni in cui gruppi di cantori e musicisti, armati di fisarmonica e strumenti vari, iniziano a popolare le campagne.

Oggi il loro girovagare è più limitato, vengono organizzati spesso dei ritrovi. In passato, i gruppi di maggerini giravano di più per i vari poderi, cercando di non saltarne alcuno. Approdando nell’aia per cantare l’arrivo della bella stagione, quella del raccolto. Raccogliendo a loro volta qualcosa alla fine di ogni tappa della festa. 

I contadini lasciavano (e lasciano ancora) nei loro panieri salumi, bottiglie di vino, formaggio. Tutta una serie di bontà che poi finisce la sera sulla tavola della cena o “ribotta”. Un momento di ritrovo in cui tutti i maggerini del gruppo si ritrovano ai lati della stessa tavola per mangiare insieme.

Una storia rinnovata

In Maremma sono molti i gruppi che da settimane oramai stanno provando le musiche e i testi. Si va dai “La Monticellese, ai “Pettirossi di Roccastrada” e ai “Pici ‘gnoranti“. Dai “Briganti di Maremma” ai “Maremma biutifulle“, uno dei più giovani.

Tra i gruppi di più recente costituzione c’è anche quello dei Carbonai di Maremma: la base è a Roselle, paese poco lontano dalla casa dove viveva Morbello Vergari.

Il gruppo è nato circa 4 anni fa grazie alla passione per la tradizione popolare di alcuni appassionati come la preside dell’agrario Cinzia Machetti, unita ad altri rosellani come Paolo Roghi e Catia Bardi. Insieme a Salvatore Cammarasana, Luigi Finamore, Amedeo Simoni, Lucilla Dani e Leo Carboni, provenienti da altre esperienze legate alla tradizione polare, sono partiti con le gambe della Proloco Roselle e tanta voglia di divertirsi e stare insieme.

Il grande raduno, ora si è diffuso in tutta la provincia

Con la benedizione del maestro Chechi, voce e poeta storico della tradizione popolare, la Proloco è già da oltre 10 anni che ha riportato nella frazione i raduni legati alla tradizione dei canti del maggio. Dopo la pandemia hanno ripreso forza e stanno prendendo piede in tutta la provincia. «Ricordo che a fine anni 70-80 a Grosseto in piazza Dante si faceva il grande raduno popolare dei maggerini – racconta Paolo Roghi – Il 30 sera il centro pullulava di persone. Sull’onda di quei grandi incontri a Roselle lo abbiamo iniziato a riproporre con successo. Quest’anno non è stato possibile, ne faremo uno simile ma il 13 maggio. Per il prossimo anno invece vorremmo riprendere a farli rispettando le date della tradizione».

I Carbonai di Maremma
I Carbonai di Maremma

Il 30 aprile i Carbonai di Maremma saranno impegnati tra Roselle, Braccagni e Grosseto. Il 1° maggio invece si sposteranno verso Marina, dove insieme ad altri gruppi si ritroveranno per cantare insieme il maggio.

«Mi ricordo che prima non perdevamo un podere dove fermarci per cantare – ricorda Roghi – negli anni è un po’ cambiato, veniamo anche invitati e per andare da tutti spesso non c’è tempo. Prima c’erano anche molte più squadre ed era più facile che ogni podere venisse raggiunto. Ma la tradizione rimane sempre la stessa e soprattutto nei ritrovi è possibile sentire anche le canzoni e le musiche preparate dagli altri gruppi».

A Braccagni si cambia musica, ma non si perde la tradizione

Braccagni è uno dei luoghi principali di ritrovo delle squadre dei cantori in provincia. Storicamente i maggiaioli si ritrovavano nell’oliveto di fronte al paese, ai piedi di Montepescali.

Quest’anno anche per non perdere la tradizione il raduno verrà comunque fatto a Braccagni, al centro anziani “Gli anta”.

Il padrone di casa è il “Gruppo tradizioni popolari di Braccagni aps Galli Silvestro“. Le squadre verranno da tutta la provincia ma anche da Lucca e da Siena.

A raccontare entusiasta del ritrovo annuale è Maurilio Boni. «Ho iniziato a cantare il maggio che avevo 12 anni – dice Maurilio, che di anni ne ha superati 70 – Col gruppo difficilmente facciamo aderire le canzoni ai fatti di attualità e alla politica. Il nostro è un inno alla primavera, al risveglio della natura, un canto augurale. Per noi il maggio è questo».

«Fondamentalmente il gruppo è formato da cantori, poeti e musicisti – dice Maurilio – c’è l’alberaio che porta l’albero e il corbellaio, per la raccolta dei doni. L’albero è sostanzialmente un ramo di alloro. Colto, come da tradizione, a luna calante e addobbato dalle persone della squadra. Prima nei poderi l’albero era la prima cosa che entrava, la parte augurale che apriva le attività nel podere».

Il ramo è colorato da fiori di carta, e oggetti luccicanti messi a mo’ di amuleti.

«Con i colori e lo s si rcintillio si rappresenta il fiorire dei colori della primavera – conclude Boni – Così salutiamo questa stagione del 2023 nel migliore dei modi, sperando che il meteo ci assista. In caso contrario, canteremo anche al coperto, il sole dopo la pioggia tornerà».

Autore

  • Federico Catocci

    Nato a Grosseto, pare abbia scelto quasi da subito di fare l’astronauta, poi qualcosa deve essere cambiato. Pallino fisso, invece, è sempre rimasto quello della scrittura. In redazione mi hanno offerto una sedia che a volte assomiglia all’Apollo 11. Qui scrivo, e scopro. Maremma Oggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik