Depuratore, Adf rinuncia al riesame | MaremmaOggi Skip to content

Depuratore, Adf rinuncia al riesame

Gli avvocati della società stanno studiando gli atti: i locali destinati ai conferimento extraflusso dei fanghi dell’impianto restano sotto sequestro
Il depuratore di San Giovanni, sulle Collacchie
Il depuratore di San Giovanni

GROSSETO. Adf rinuncia al riesame. Dopo la richiesta depositata la scorsa settimana, la società proprietaria del depuratore di San Giovanni, una parte del quale è stata messa sotto sequestro dal tribunale il 27 dicembre, ha fatto dietrofront.

Gli avvocati Roberta Daviddi e Andrea De Sanctis hanno avuto accesso agli atti, che stanno tuttora valutando. Sono 1.500 le pagine che compongono il fascicolo del sostituto procuratore Giampaolo Melchionna per l’ipotesi di reato di inquinamento ambientale a carico di tre dipendenti della società. 

Con il riesame, la società avrebbe chiesto il dissequestro dei locali destinati ai conferimento extraflusso dei fanghi dell’impianto di depurazione San Giovanni, sui quali invece resteranno i sigilli. 

LEGGI ANCHE

Sequestro al depuratore, Adf chiede il riesame

Depuratore. troppi fanghi. Standard non garantiti

Puzzi in città, sequestro al depuratore: tre indagati

Sequestro al depuratore: «Merito della mobilitazione pubblica»

Appalto del depuratore, 712mila euro di confisca

Depuratore di San Giovanni, 10 milioni di euro per ridurre i fanghi

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected