Uccise la compagna a coltellate, via al processo | MaremmaOggi Skip to content

Uccise la compagna a coltellate, via al processo

Omicidio volontario aggravato, porto abusivo d’arma e danneggiamenti: l’operaio 49enne non sarà sottoposto a perizia psichiatrica
Nicola Stefanini

MONTEROTONDO MARITTIMO.  Un’ora, poco più. Tanto è durata l’udienza preliminare questa mattina in tribunale. Nicola Stefanini, 49 anni, si è presentato davanti al giudice Sergio Compagnucci che, su richiesta della sostituta procuratrice Anna Pensabene (sostituita in aula dal collega Carmine Nuzzo) ha disposto il rinvio a giudizio dell’operaio che ha ucciso la sua compagna, Silvia Manetti, a coltellate. 

Negata la perizia psichiatrica

Difeso dall’avvocato Tommaso Galletti, Stefanini si è presentato in aula dov’è stato accompagnato dagli agenti della polizia penitenziaria del carcere di Grosseto, dov’è rinchiuso dalla notte del 12 agosto 2021 quando chiamò i carabinieri di Monterotondo Marittimo confessando loro di aver ucciso la sua compagna al culmine di una lite. Erano in auto, stavano tornando a casa dopo aver festeggiato il loro anniversario in un ristorante quando l’uomo arrestò la marcia dell’auto e colpì 16 volte Silvia al collo

Nicola Stefanini e Silvia Manetti
Nicola Stefanini e Silvia Manetti

Omicidio volontario aggravato, porto abusivo dell’arma e danneggiamenti. Quando i militari arrivarono sulla strada che porta al centro del borgo, trovarono Silvia ormai morta. Nicola sferrò un calcio all’auto di servizio dei militari: reazione, questa, che gli è costata anche la terza imputazione: l’operaio 49enne è stato rinviato a giudizio e il processo si aprirà il 21 dicembre

 Difeso dall’avvocato Tommaso Galletti, Stefanini ha chiesto al giudice la possibilità di essere ammesso al rito abbreviato e anche quella di essere sottoposto a una perizia psichiatrica. Né l’una né l’altra richiesta è stata accolta dal giudice che ha quindi deciso che il processo verrà celebrato in corte d’assise. 

Stefanini ha assistito in silenzio all’udienza che segnerà il suo destino. In aula c’erano gli avvocati dei familiari di Silvia, Michele Giorgetti che ha chiesto la costituzione di parte civile dei due figli della donna, un bambino di 10 e un ragazzino di 14 anni e Riccardo Gambi, che ha presentato la stessa richiesta per la sorella della donna uccisa a coltellate, Alessandra Manetti e per la madre, Sandra Miniati. Richieste, queste, che sono state accolte dal giudice. 

LEGGI ANCHE

Omicidio a Monterotondo Marittimo: taglia la gola alla compagna

16 coltellate, una sola quella mortale

La uccide a coltellate, rischia l’ergastolo

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected