Muore a 48 anni l'artigiano dalle mani e dal cuore d'oro Skip to content

Muore a 48 anni l’artigiano dalle mani e dal cuore d’oro

Andrea ha combattuto con forza contro una malattia che purtroppo lo ha sconfitto. Lascia la moglie e una bambina piccola, vicino a loro un territorio intero
Andrea Brugi e una veduta di Montemerano
Andrea Brugi e una veduta di Montemerano

MANCIANO. Con le sue mani immortalava la natura tra i nodi del legno. I suoi uccellini d’ulivo, nati quasi per gioco da una questione in paese, furono posizionati in piazza del castello a Montemerano e divennero subito un simbolo.

Molti lo definivano un artigiano, altri un artista.

Di Andrea Brugi, da poco 48enne, originario di Montemerano, rimarranno le opere e il grande cuore, bene impresso nelle menti di chi ha avuto la fortuna di conoscerlo. Dopo una grave malattia diagnosticata nel maggio del 2022, un breve percorso tutto in salita, oggi, 13 gennaio, lo ha strappato a questo mondo. Si è spento all’ospedale di Grosseto, dove oramai non era più possibile fare niente.

Oltre ai genitori e al fratello, Andrea lascia la moglie e una figlia piccola, prossima alla cresima.

Un leone dal cuore d’oro

Chi lo conosceva bene ne parla come di un leone dal cuore d’oro. «Ha tenuto duro finché ha potuto – racconta l’amica Valeria Bruni, assessora al comune di Manciano – sono in molti a volergli bene. Tantissimi. Oltre a essere uno straordinario artigiano del legno, era un buon padre, sicuramente un buon marito e uno straordinario cittadino che si è sempre battuto per la sua terra. Indipendentemente dalle sue simpatie politiche e personali, ha sempre detto quello che pensava, criticando quando c’era da criticare, sempre guardando al bene di tutti».

Andrea è stato anche presidente della Proloco Montemerano, si era dimesso nell’estate 2022 proprio per i suoi problemi di salute. È stata proprio l’associazione, recentemente, a promuovere una raccolta fondi in suo nome. Servirà al paese a pagare le bollette per la parrocchia di San Giorgio.

Lo striscione della pro loco di Montemerano per Andrea Brugi
Lo striscione della pro loco di Montemerano per Andrea Brugi

Andrea rimarrà nel cuore di tutti

«Andrea aveva un animo gentile, era sempre disponibile a battersi per gli altri – ricorda Valeria – era anche un gran lavoratore, dal legno faceva nascere taglieri, ma anche opere d’arte. C’era la natura ritratta nelle sue opere. Un bell’impulso al suo mestiere e al suo animo lo ha dato anche la moglie, di origini danesi, che gli è sempre stata accanto, e l’ha sempre supportato. Non si è mai abbattuta. Mi stringe il cuore se penso a quello che dovrà affrontare la famiglia».

«Lei ha sempre messo davanti al dolore il suo bel sorriso – conclude Valeria – e così faceva Andrea, consapevole del suo male ma volenteroso di portare avanti tutto, finché fosse stato possibile. Con la raccolta fondi ha avuto la grazia di vedere, un’ultima volta, quello che i suoi amici della pro loco e della sua terra sanno fare. Ne è rimasto sicuramente fiero. Mando un abbraccio a tutta la sua famiglia, questo lutto è un duro colpo a un intero territorio».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected