«Grazie per l'affetto dimostrato a Mario» | MaremmaOggi Skip to content

«Grazie per l’affetto dimostrato a Mario»

Marlena e Clarissa Giacolini ringraziano gli ex allievi, le istituzioni e tutte le persone che si sono strette attorno a loro per l’addio all’ingegnere-naturalista
Mario Giacolini

GROSSETO. Il via vai alla camera ardente allestita nello studio della casa di via Damiano Chiesa, dove Mario Giacolini ha vissuto tutta la vita insieme al fratello gemello Marcello, è stato continuo. Ex alunni che avevano stimato e amato il loro prof. all’istituto per geometri, rappresentanti delle istituzioni, che ne hanno ricordato lo spessore culturale, amici e conoscenti. In tanti, sabato 14 gennaio, hanno voluto porgere l’ultimo saluto all’ingegnere – naturalista che insieme al gemello architetto, anche lui insegnante all’istituto per geometri, ha rivoluzionato il modo di studiare e divulgare le scienze naturali

I ringraziamenti della famiglia

A ringraziare tutte le persone che hanno partecipato al dolore per la scomparsa di Mario sono Marlena e Clarissa, cognata e nipote dell’ingegnere scomparso pochi giorni fa. 

Non ci sono parole per ringraziare, indistintamente, tutti : gli organi di stampa, le istituzioni, i social, i colleghi, gli ex allievi, gli amici più cari, i semplici conoscenti e non ultimi, il personale alle onoranze funebri della Misericordia, per l’affettuoso ricordo ed il riverente saluto dedicato a Mario Giacolini.

Un commosso e sentito omaggio al suo ultimo e fatidico cammino per raggiungere, lassù, Marcello, l’inseparabile fratello, compagno di vita e di studi.

Impossibile non ringraziare il presidente del Parco della Maremma, l’architetto Simone Rusci, ex allievo, amico devoto ed estimatore di entrambi che, volendo valorizzare il loro prezioso e minuzioso lavoro culturale, in piena sintonia con altri colleghi, si è egregiamente, impegnato a concretizzare un interessante progetto, espressione appassionata dei loro profondi studi, affinché i “gemelli per antonomasia”, Marcello e Mario Giacolini, possano essere ricordati all’unisono, in questa realtà dove sono nati e vissuti. 

LEGGI ANCHE:

La Maremma piange l’ingegnere-naturalista

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected