Covid: addio ai tamponi per uscire dall'isolamento | MaremmaOggi Skip to content

Covid: addio ai tamponi per uscire dall’isolamento

Dove e quando indossare la mascherina, quarantena, vaccini. Ecco tutte le novità
Un'infermiera esegue un tampone anti-Covid
Un tampone per il covid

GROSSETO. Nuovo anno e nuove regole per chi ha avuto il Covid e deve rientrare a scuola o al lavoro, ma anche per il personale sanitario non vaccinato. Invariato l’uso delle mascherine nei luoghi di cura e di assistenza sanitaria, dove restano obbligatorie.

Con la conversione in legge del cosiddetto “Decreto Rave” (legge 199 del 30 dicembre 2022) e l’emanazione della circolare ministeriale numero 51961 del 31 dicembre 2022 (Aggiornamento delle modalità di gestione dei casi e dei contatti stretti di caso Covid-19), il Governo e il ministero della Salute cambiano sostanzialmente le modalità di fine isolamento.

A scuola o al lavoro, dopo 5 giorni e senza tampone

Senza entrare nel merito se la pandemia sia ancora tale, né disquisire sulla variante Kraken – che prende il nome dal leggendario mostro marino con le sembianze di un calamaro gigante – isolata negli Stati Uniti,  in Italia il Covid 19 si affronta in tutt’altro modo rispetto ai mesi passati.

Intanto via ai tamponi obbligatori per rientrare a scuola o al lavoro dopo aver contratto l’infezione. La nuova circolare ministeriale pubblicata il 31 dicembre, semplifica tutto. Ecco come:

  • positivi asintomatici, l’isolamento finisce dopo 5 giorni senza bisogno di test, ma si deve portare la mascherina fino al decimo giorno. Se si fa un test in struttura sanitaria o farmacia ed è negativo, l’isolamento può finire prima dei 5 giorni
  • positivi sintomatici, la durata minima dell’isolamento è di 5 giorni, ma per uscire i sintomi devono essere spariti da almeno 2 giorni. Anche in questo caso, dopo la scomparsa dei sintomi non sarà necessario avere un tampone negativo
  • mascherine obbligatorie nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, ambulatori e studi medici, Rsa, hospice, strutture riabilitative, strutture residenziali per anziani. Per l’accesso a tutte queste strutture non è più obbligatorio il green pass.

Cosa succede per i “contatti stretti” di casi di Covid

Viene applicata l’autosorveglianza, che scende da 10 a 5 giorni, durante la quale è obbligatorio di indossare mascherine Ffp2, al chiuso o in presenza di assembramenti.

Se durante il periodo di autosorveglianza si manifestano sintomi di infezione da, è raccomandata l’esecuzione immediata di un test antigenico o molecolare. Gli operatori sanitari devono eseguire un test antigenico o molecolare ogni giorno, fino al quinto giorno dall’ultimo contatto con un caso confermato.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected