Coldiretti: «Troppe predazioni, gli allevamenti chiudono» | MaremmaOggi Skip to content

Coldiretti: «Troppe predazioni, gli allevamenti chiudono»

240 le segnalazioni di avvistamenti di lupi, canidi o ibridi da quando è stato attivato il numero verde della Regione Toscana: una media di due al giorno
Un lupo (foto d’archivio)

GROSSETO. Coldiretti Toscana torna a chiedere uno sforzo legislativo a livello nazionale per consentire il contenimento di ibridi e canidi continuando a salvaguardare, così come accade già oggi, il lupo in purezza. Questa è la posizione ribadita dall’associazione di categoria in occasione di un incontro online sulla difficile convivenza tra lupo e zootecnica e sulle prossime linee di indirizzo per difendere gli allevamenti. Al webinar ha partecipato Riccardo Burresi dell’ufficio segreteria della vicepresidenza regionale insieme al delegato dei giovani, Lorenzo Pavone.

Foto di un lupo ripreso da Antonella Vivarelli Colonna

«Gli allevatori, dai tempi dei tempi, hanno sempre convissuto in pace con i lupi. Ma oggi ci troviamo ad affrontare un fenomeno nuovo che è quello della proliferazione di veri e propri ibridi che sono i principali colpevoli delle razzie.  – precisa il Presidente regionale, Fabrizio FilippiLe predazioni sono la principale causa della chiusura di molti allevamenti ovini nel grossetano e nella nostra regione al pari dei cinghiali per le aziende agricole tradizionali con gravi ripercussioni sulla biodiversità, sull’occupazione e sulla manutenzione del territorio».

 

«Serve una svolta – prosegue Filippi – e può arrivare solo dalla modifica della legge nazionale. Apprezziamo gli sforzi della Regione Toscana ma la soluzione non possono essere le recinzioni ed i risarcimenti: così si perde la caratteristica principale degli allevamenti che è quella del pascolo allo stato brado e dei prodotti delle aziende zootecniche. Coldiretti tornerà a chiedere alla politica, in particolare ai parlamentari eletti Toscana, un impegno preciso per consentire la modifica della legislazione nazionale in materia. La salvaguardia del lupo come specie protetta non può gravare sulle spalle del mondo agricolo».

Le dimensioni del fenomeno

Gli allevamenti maremmani e senesi risultano essere i più colpiti dalle predazioni. Due terzi delle predazioni denunciate e risarcite dalla Regione Toscana negli ultimi sei anni, hanno riguardato gli allevamenti attivi in provincia di Grosseto (con oltre 1,8 milioni di indennizzi) e quelli in provincia di Siena (con 1 milione circa), su un totale di 3,6 milioni di euro complessivi.

 

240 sono state le segnalazioni di avvistamenti di lupi, canidi o ibridi da quando è stato attivato il numero verde della Regione Toscana, con una media di due segnalazioni al giorno.

 

L’obiettivo di Coldiretti

Il webinair ha permesso di focalizzare l’attenzione sul fenomeno delle predazioni e delle misure che la Regione Toscana ha messo in campo, ha migliorato o intende migliorare su sollecitazione di Coldiretti.  Come la semplificazione per ottenere gli indennizzi che saranno erogati entro 60 giorni dalla presentazione della denuncia e non più dopo anche 18 mesi, la novità della task force lupo, molte più risorse economiche per la prevenzione come le recinzioni e strutture mobili notturne. In cantiere c’è il progetto di realizzare in particolare nei territori più interessati come Grosseto, Siena ed Arezzo locali di stoccaggio delle carcasse a carico della Regione Toscana. In valutazione anche risorse per l’addestramento dei cani da guardia ed anche il pagamento degli indennizzi da danni indiretti ovvero le spese veterinarie sostenute dall’allevatore.

Pecore di razza sarda nell’ovile

«Tra i danni indiretti – chiede Lorenzo Pavone- devono essere riconosciuti anche la mancata produzione di latte o gli aborti. Danni che oggi la normativa non prevede e nei confronti della quale è necessario intervenire. Diamo atto al vicepresidente ed assessore all’agroalimentare, Stefania Saccardi per aver preso di petto l’emergenza predazioni così come l’emergenza cinghiali mettendoci testa e risorse. – Il dialogo ha portato ad alcuni provvedimenti che vanno nella direzione di intervenire laddove è possibile nel limite del perimetro della legislazione nazionale».

Per informazioni sulle attività Coldiretti Toscana: Sito webPagina FacebookInstagramTwitterYoutube

 

 

Autori

  • MaremmaOggi

    nasce dall'idea di Guido Fiorini e Francesca Gori Notizie in tempo reale, turismo, economia, sport, enogastronomia, ambiente, informazione MaremmaOggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli
  • Federico Catocci

    Nato a Grosseto, pare abbia scelto quasi da subito di fare l’astronauta, poi qualcosa deve essere cambiato. Pallino fisso, invece, è sempre rimasto quello della scrittura. In redazione mi hanno offerto una sedia che a volte assomiglia all’Apollo 11. Qui scrivo, e scopro. Maremma Oggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik