Aggressione di Santo Stefano, sigilli a El Caribe | MaremmaOggi Skip to content

Aggressione di Santo Stefano, sigilli a El Caribe

Le porte del locale resteranno chiuse per un mese: la mattina del 26 dicembre un 36enne è stato brutalmente picchiato nel piazzale
La polizia davanti al circolo El Caribe

GROSSETO. Trenta giorni di chiusura per El caribe, il circolo Arci che si trova in fondo a via de Barberi dove la mattina di Santo Stefano, un trentaseienne di origini cubane è stato aggredito e portato alle Scotte di Siena in gravissime condizioni. 

Lo ha disposto il questore di Grosseto, Antonio Mannoni: negli ultimi mesi infatti, le volanti sono dovute intervenire più volte per identificare e denunciare le persone coinvolte nei disordini.

Terza chiusura 

L’ultimo episodio è avvenuto la notte tra il 25 e il 26 dicembre quando un uomo di origini cubane di 36 anni, che aveva passato la serata nel locale, alla chiusura è stato aggredito nel piazzale. Lo ha trovato un addetto alla sicurezza, sdraiato per terra in una pozza di sangue, circondato da persone visibilmente ubriache.

L’uomo era stato aggredito: subito soccorso e trasportato in ambulanza al Misericordia, è stato poi trasferito alle Scotte in condizioni molto gravi

È la terza volta, che al El Caribe viene applicato un provvedimento di chiusura. Nei casi precedenti (dicembre 2019 e ottobre 2021) il questore di Grosseto aveva disposto la chiusura del circolo rispettivamente per un periodo di cinque e di dieci giorni.

In occasione delle prossime festività di fine anno l’attenzione da parte della questura rimarrà molto alta riguardo all’attività di prevenzione nei locali, per incrementare i livelli di sicurezza all’interno e in prossimità dei locali, oltre che per il controllo e la verifica dei dispositivi di sicurezza delle strutture e degli impianti dei locali pubblici, della loro agibilità e del rispetto dei parametri di capienza massima.

LEGGI ANCHE

Rave smantellati e via Roma sorvegliata speciale

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected