Addio Simone, l'hockey ha perso il suo guerriero | MaremmaOggi Skip to content

Addio Simone, l’hockey ha perso il suo guerriero

Pantani, direttore sportivo del Follonica Hockey, se n’è andato a 54 anni: per anni è stato simbolo di coraggio e forza nell’affrontare la malattia
Simone Pantani, Follonica Hockey
Simone Pantani, dirigente del Follonica hockey

FOLLONICA. È stato simbolo di forza e coraggio per anni e anni. Da quando la malattia lo aveva travolto e lui aveva ricevuto in dono dalla mamma un rene. Era il dicembre del 2015 quando l’Odissea di Simone Pantani divenne pubblica.

Mercoledì 10 gennaio, la notizia della sua morte, a soli 53 anni, è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Pantani aveva una seduta di dialisi fissata all’ospedale Misericordia di Grosseto, ma un malore lo ha ucciso prima che potesse cominciare. 

Da qualche giorno aveva la febbre e le sue condizioni erano peggiorate. Ma Simone non si era perso d’animo. Aveva continuato a raccontare la sua vita, con la speranza che il 2024, annunciato da lui stesso su Facebook come un anno difficile, gli avrebbe regalato ancora altro tempo da passare con la sua famiglia, con i suoi tanti amici, con la società di hockey alla quale aveva dato tanto. E dalla quale aveva ricevuto tanto. 

L’amore per l’hockey

Finisce un anno incredibilmente complicato, disastroso e devastante.
Inizierà uno nuovo, dalle prospettive non certo migliori, ma con la speranza che sia dignitoso e che la flebilissima speranza non si spenga.
Auguri di buon anno a tutti i miei amici, soprattutto a chi non se la passa bene e a chi è in difficoltà.
Buon 2024💙💙💙
Ma io ho l’hockey che mi salverà

Sono le parole di Simone Pantani, pubblicate sul suo profilo il 31 dicembre. Era l’hockey, la sua grande passione, alla quale, nonostante la malattia ha dedicato tutta la sua vita. 

Dirigente e direttore sportivo dal 2011, la storia di Simone è stata una storia del tutto particolare: Pantani, infatti, non ha mai giocato a hockey. Ce lo raccontò lui, in una lunga intervista rilasciata a MaremmaOggi nel settembre 2021

«Non ho mai giocato ad hockey. Personalmente vengo dal mondo del calcio; la mia carriera calcistica però si fermò a causa di un infortunio ma fin da piccolo ho seguito l’hockey – raccontava Pantani – il mio ricordo più lontano legato allo sport risale a quando avevo solo 4 anni. Indubbiamente però quello che mi ha sempre spinto a seguire come tifoso accanito lo sport è stata l’amicizia con un giocatore follonichese, Gabriele Mazzetti. Quindi diciamo che, nonostante giocassi a calcio, l’hockey é sempre stato parte della mia vita. Venni inserito all’interno dell’organico del direttivo come rappresentante della tifoseria nel 2010 e di lì a poco venni nominato, con mio grande stupore, direttore sportivo. L’inizio non fu dei più facili, la società non navigava in buone acque dal punto di vista economico dopo un periodo strabiliante come quello degli “immarcabili”, le scelte da fare non furono facili ma le difficoltà vissute in quel periodo mi danno la forza di guardare avanti con maggiore serenità».

Il dolore della città del Golfo

La città del golfo è sotto choc. A partire dal Follonica hockey, la società della quale Pantani ha fatto parte per più di un decennio come direttore sportivo. «È stato un grande esempio di forza e di coraggio per tutti – dice il presidente Franco Ciullini – solo qualche giorno fa ci siamo visti e ci siamo salutati come sempre. Ci siamo detti: “alla prossima”. È impensabile che non sia più con noi». 

Simone, nei suoi anni di lotta contro la malattia, non si è mai perso d’animo, nemmeno nei momenti più difficili. Aveva continuato a coltivare le sue passioni, l’hockey prima di tutto, aveva continuato a frequentare i suoi tantissimi amici sempre con il sorriso sulle labbra

«Dopo una lunga malattia, Simone Pantani ci ha lasciato stamani mattina presso l’ospedale della Misericordia di Grosseto – è il messaggio del Follonica Hockey – La malattia aveva piano piano debilitato il suo corpo ma non il suo spirito, continuava infatti, nonostante le difficoltà, a svolgere il ruolo di direttore sportivo del Follonica Hockey non rinunciando ad assistere sia alle partite e molto spesso anche agli allenamenti di quella squadra che lui ha contribuito a formare e di cui ne era parte integrante. Tutti i componenti della società del Follonica Hockey, dal presidente ai consiglieri, dirigenti, allenatori, giocatori si stringono intorno alla famiglia nel dolore per la sua scomparsa».

LEGGI ANCHE:

«Tumore, ti sconfiggerò»: la forza di Simone

Forza Simone, tutta la Maremma tifa per te

Sportivo dell’anno: «Votate Simone, esempio di coraggio»

Hockey, da tifoso a ds: Simone Pantani si racconta

La buona notizia: Simone Pantani è in netto miglioramento

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati