Terremoto a Manciano, Valeria Bruni fuori dalla giunta | MaremmaOggi Skip to content

Terremoto a Manciano, Valeria Bruni fuori dalla giunta

Il sindaco Mirco Morini firma il decreto di revoca delle deleghe dell’assessora più votata in paese: «Venuta meno la fiducia»
L'assessora Valeria Bruni e il sindaco Mirco Morini, terremoto a Manciano
L’assessora Valeria Bruni e il sindaco Mirco Morini, terremoto a Manciano

MANCIANO. Terremoto in maggioranza a Manciano, il sindaco Mirco Morini, con atto firmato mercoledì 29, ha revocato le deleghe al vicesindaco Valeria Bruni

Tutto nasce dall’ultimo consiglio comunale e dalle accuse della minoranza. Secondo il sindaco Valeria Bruni non ha portato giustificazioni “credibili” e, per questo, è venuta meno la fiducia.

Oltre che vicesindaco, la Bruni aveva le deleghe a lavori pubblici e viabilità, politiche sociali e sanità e protezione civile.

L’atto: «Venuto meno il rapporto di fiducia»

Questo il testo dell’atto.

«Considerato che in occasione del consiglio comunale del 21.11.2023, l’assessore Bruni – assente – è stata investita dalla minoranza di una serie di osservazioni volte a mettere in dubbio la condivisione delle scelte portate avanti dalla maggioranza»;

«Rilevato, altresì, a fronte di tali affermazioni – rilasciate nell’ambito di un consesso istituzionale quale il consiglio comunale e appositamente verbalizzate – non sono seguite, da parte dell’assessore Bruni, azioni contrarie altrettanto rilevanti tali da sconfessare le affermazioni della minoranza»;

«Dato pertanto atto del venir meno del rapporto di fiducia in merito all’idoneità del nominato assessore a perseguire gli obiettivi amministrativi fissati nel programma di mandato e che in ogni caso la sfiducia non è da intendersi riferita a valutazioni afferenti qualità personali o professionali dell’assessore revocato, né è da intendersi di tipo sanzionatorio»;

«Considerato che è volontà del sottoscritto sindaco di far cessare la vigenza dell’atto di nomina dell assessore con una revoca espressa…» il sindaco revoca tutte le deleghe.

Vedremo ora da chi sarà sostituita. Al momento le deleghe sono nelle mani del sindaco Morini.

Certo che è un terremoto, perché la Bruni è stata la più votata a Manciano, con 763 preferenze. Un numero che sposta gli equilibri e non di poco.

Il sindaco: «Unica possibilità per lavorare serenamente»

«Purtroppo – dichiara Morini – quanto dichiarato ufficialmente dalla minoranza durante il consiglio comunale di martedì 21 novembre ha intaccato la serenità all’interno della maggioranza».

«Ringrazio Valeria Bruni per l’impegno speso come amministratrice in questi anni e non ho nulla da eccepire sulla sua professionalità, sull’impegno e sulla passione che ha messo sempre a disposizione della comunità. Ma come già detto, le dichiarazioni ufficiali rilasciate dalla minoranza hanno lacerato la tranquillità della giunta comunale e della maggioranza: abbiamo chiesto delle garanzie alla vicesindaca, proprio per rasserenare il clima, che non sono arrivate».

«Comprendiamo la difficoltà che appartiene anche ad ognuno di noi, nel conciliare la vita privata e lavorativa con l’impegno pubblico. Ma abbiamo il compito di guidare il nostro Comune e dobbiamo farlo con franchezza e tranquillità: amministrare è un impegno complesso e quindi occorre prima di tutto fiducia reciproca e la certezza di andare tutti nella stessa direzione».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati