Bruni: «Non sono una traditrice. Sono nelle mani del sindaco» | MaremmaOggi Skip to content

Bruni: «Non sono una traditrice. Sono nelle mani del sindaco»

Manciano, la vicesindaca Valeria Bruni spiega l’assenza al consiglio comunale su Terme di Saturnia: «Su di me frasi diffamatorie»
Nel riquadro la vicesindaca Valeria Bruni, sullo sfondo una veduta di Manciano
Una veduta di Manciano e la vicesindaca Valeria Bruni

MANCIANO. C’è stato un mezzo terremoto in maggioranza, dopo le dichiarazioni di Rossano Galli in consiglio comunale martedì scorso, durante le controdeduzioni sul piano attuativo per le nuove 25 suites di Terme di Saturnia. «Lei non è presente – aveva detto Galli – perché su questa cosa sta facendo un percorso con noi».

In sostanza, l’aveva accusata di essere in rottura con gli altri e di avvicinarsi, almeno sul caso oggetto del consiglio, alle posizioni della minoranza.

Ora la stessa vicesindaca risponde, chiarendo cosa sia accaduto. E rimettendosi, comunque, alle decisioni del sindaco.

Bruni: «2023 difficile, ma non sono una traditrice»

«Rimango allibita – dice – che un consiglio comunale così importante si sia ridotto a una discussione sulla mia persona. Il 2023 è stato un anno molto difficile per la mia famiglia ma, anche se sono mancata in consiglio, non sono mai stata disonesta, traditrice o complottista. Questo deve essere chiaro».

«A fronte di posizioni diverse all’interno della maggioranza – dice ancora la vicesindaca di Manciano – abbiamo sempre deciso insieme. Per cui una cosa è certa: se qualcuno pensa che uccidendo me, possa uccidere questa Amministrazione, ha sbagliato strategia».

«Sono nelle mani del sindaco»

«Io sono nelle mani del sindaco, con il quale ho condiviso un percorso fin dall’inizio. Ho sempre amministrato nell’interesse collettivo. Vengo da un’area politica e non la rinnego, ma non ho rapporti con chi pubblicamente ha dichiarato “con te mai”».

Così Valeria Bruni spera di continuare il percorso con questa Amministrazione.

«Le frasi pronunciate in consiglio dalla minoranza, se vere, sono gravi e diffamatorie. Lo ripeto, sono nelle mani di Mirco Morini, il primo cittadino, e spero di poter continuare a lavorare per questa Amministrazione, nel modo che lui ritenga più opportuno».

L’opposizione non ci sta «Chiederemo un confronto pubblico»

Ai membri dell’opposizione nel consiglio comunale di Manciano la risposta non è piaciuta e, con una nota congiunta firmata anche dal Pd Manciano, si rivolgono alla vicesindaca Bruni.

«Registriamo il disperato tentativo della vicesindaca di rimanere aggrappata al suo ruolo ma le ricordiamo che in politica come nella vita l’affermazione della verità fa sempre la differenza – dicono nella nota – Noi sappiamo cosa è successo in questi mesi e lo sa benissimo anche la vicesindaca che invitiamo ad assumersi la responsabilità delle proprie azioni».

«Le sue dichiarazioni rilasciate alla stampa sono senza pudore – concludono – Visto l’argomento delicato, la minoranza sarà costretta a chiedere suo malgrado un confronto pubblico nel prossimo consiglio comunale».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati