Le terme di tutta Europa riunite a Saturnia | MaremmaOggi Skip to content

Le terme di tutta Europa riunite a Saturnia

Le terme di tutta Europa parlano di termalismo e opportunità per il turismo: «L’Italia deve fare passi da gigante»
Le terme di Saturnia, dove sono riunite le terme di tutta Europa
Le terme di Saturnia, dove sono riunite le terme di tutta Europa

SATURNIA. Le terme di tutta Europa si ritrovano a Saturnia, oggi e domani (1 e 2 dicembre).

Il board di Espa (European Spas Association), l’associazione europea delle terme e del benessere, di cui Federterme Confindustria è socio fondatore, da oggi 1° dicembre si riunisce alle Terme di Saturnia per una due giorni in cui sarà analizzata la situazione complessiva del settore, per fare il punto sulle strategie da avviare nel breve-medio periodo per favorire il rilancio e lo sviluppo del termalismo in Europa.

Presenti al vertice tutti i principali paesi a maggiore densità termale (Francia, Germania, Spagna, Slovenia, etc.) con l’Italia che sarà rappresentata dal presidente di Federterme, ing. Massimo Caputi.

Numerosi i temi sul tavolo: l’attività sui temi termali del Parlamento Europeo, con il quale il presidente di Espa, il francese Thierry Dubois, ha calendarizzato una serie di incontri; l’impegno sui temi della ricerca scientifica, per la quale Espa ha istituito un apposito comitato; le certificazioni di qualità e i progetti di comunicazione internazionale.

Paesi come la Spagna e la Francia fanno del termalismo e del benessere un pilastro del loro turismo e del proprio sistema di welfare nazionale.

Caputi: l’Italia deve fare passi da gigante nel turismo sanitario

«In un momento così delicato per tutto il termalismo europeo – ha commentato l’ing. Massimo Caputi poco prima dell’apertura dei lavori – abbiamo sentito il bisogno di un ulteriore momento di confronto, oltre a quelli ordinari, per individuare obiettivi strategici di interesse comune, pur nella naturale diversità che caratterizza i vari sistemi termali dei Paesi UE; l’Italia deve fare passi da gigante verso il turismo sanitario e del benessere e auspichiamo che il ministro del Turismo, on Daniela Santanchè colga questa grande opportunità di mercato».

«In particolare – prosegue Caputi – quello che è accaduto in questi due anni ha reso i tempi maturi per definire un nuovo ruolo del termalismo nell’ambito dei sistemi sanitari, previdenziali ed assicurativi dei vari Paesi, anche in riferimento ai nuovi bisogni di salute generatisi per effetto della pandemia ed al progressivo invecchiamento della popolazione. Grazie al costante impegno sul versante della ricerca scientifica, nel quale Italia e Francia svolgono un ruolo trainante, il termalismo europeo può svolgere un ruolo chiave nella crescita del benessere dei cittadini europei».

Tra le attività collaterali del summit, ma non meno importanti, è stato organizzato un momento di incontro con Hiseas, tour operator leader nel mercato cinese dell’outgoing, così come in Indonesia, Malesia, Thailandia e Vietnam ed in crescita sul mercato indiano: il workshop è stato realizzato per far conoscere il mercato delle medical spa in Italia e in Europa, e avere una valenza emblematica per l’intero sistema termale e del benessere europeo.

Il sistema termale europeo è in grande fermento per la riscoperta delle terme da parte dei suoi cittadini, anche a seguito del forte impatto positivo dei trattamenti termali sui diffusissimi disagi da post e long Covid.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected