Peep Pizzetti, respinto il ricorso: condannati a pagare le spese Skip to content

Peep Pizzetti, respinto il ricorso: condannati a pagare le spese

Circa quaranta famiglie si sono rivolte alla Corte d’Appello: oltre alle cartelle esattoriali, dovranno pagare anche le spese legali per circa 5mila euro
La zona del Peep di Villa Pizzetti

GROSSETO. Le cartelle esattoriali per la rivalutazione dei terreni del Peep Pizzetti devono essere pagate. Lo aveva sostenuto il Comune di Grosseto lo scorso novembre e questa volta, a ribadire il principio, sono stati i giudici della Corte d’Appello di Firenze, che hanno respinto il ricorso di una quarantina di proprietari, e li hanno condannati anche a pagare le spese legali, circa cinquemila euro ciascuno. 

Solidarietà nel pagamento

Non soltanto i giudici della Corte d’Appello hanno confermato la sentenza del tribunale di Grosseto, che aveva già stabilito che le cartelle esattoriali mandate dall’Agenzia delle Entrate per conto del Comune devono essere pagate.

Cartelle che vanno da 18.000 a 25.000 euro per famiglia alle quali ora si aggiungono anche i 5mila euro, centesimo più, centesimo meno, delle spese legali. Ma, oltre a condannare le famiglie che hanno presentato appello, il tribunale fiorentino ha stabilito anche il principio di solidarietà nel pagamento del conguaglio per l’intero. Questo significherebbe che, nel caso in cui uno dei proprietari non pagasse la cartella, il debito verrebbe spalmato su tutti gli altri. Principio questo che dovrà essere ratificato dal tribunale, ma che rischia di diventare l’ennesima tegola sulla testa dei proprietari del Peep. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected