I pugili della Fight Gym sono pronti a salire sul ring | MaremmaOggi Skip to content

I pugili della Fight Gym sono pronti a salire sul ring

I ragazzi della palestra di pugilato combatteranno venerdì 22 con diversi professionisti, fra cui Gigoashvili, atleta georgiano. Halit: «Potrebbe essere il mio ultimo incontro in Italia»
I pugili della Fight Gym

GROSSETO. Torna il 22 dicembre alle 21, per il terzo anno consecutivo negli impianti sportivi di via Leoncavallo, il torneo organizzato dalla Fight Gym di Grosseto, dedicato al fondatore della palestra di pugilato, Pio d’Amico.

La Fight Gym quest’anno ha visto 15 combattenti sul ring, fra cui due ragazze, Noemi Culicchi e Rachele Perna. I pugili maremmani sfideranno alcuni atleti campani, la pugile piemontese Giada Lopez, e un’atleta della Georgia, Khvicha Gigoashvili, che sfiderà Halit Eryilmaz, campione regionale nei 56kg.

Tutti alla Fight Gym sono emozionati e soddisfatti per i risultati raggiunti. «Abbiamo lavorato tantissimo quest’anno – dice Raffaele d’Amico – e abbiamo raggiunto anche molti traguardi, vincendo diverse medaglie d’argento a livello nazionale».

Il sogno americano

Halit è pronto per l’imminente round, che sarà di 4 riprese con l’atleta della Georgia. «Non vedo l’ora di salire sul ring – dice il portacolori della Fight Gym – e spero che si possa concretizzare il mio sogno, quello di fare pugilato negli Stati Uniti. Questo potrebbe essere il mio ultimo incontro in Italia».

L’avversario del pugile grossetano ha circa 60 incontri alle spalle. «Khvicha Gigoashvili ha circa 22 vittorie e 40 sconfitte, ma secondo me è un collaudatore perfetto per Halit – dice d’Amico – necessario per il nostro campione, per imparare sempre di più. Inoltre avremo la nostra Rachele Perna, che ha rappresentato l’Italia negli europei, contro la campionessa italiana nella categoria schoolgirl nei 60 kg, Giada Lopez».

L’anno della Fight gym

La palestra grossetana fondata da Pio d’Amico ha trascorso un anno pieno di soddisfazioni. «Siamo molto entusiasti dell’anno che sta per concludersi – dice l’allenatore – abbiamo lavorato tutti duramente, dai nostri 15 pugili a noi preparatori e organizzatori».

«Ci siamo impegnati molto nell’organizzare incontri e trasferte, come l’ultima in Spagna- continua d’Amico – e abbiamo ottenuto anche molti argenti a livello italiano, per questo credo che i nostri sforzi siano stati ripagati. Per il prossimo anno speriamo di rimanere sullo stesso livello, anzi vorrei spingerci a migliorarci. Infine vorremmo ringraziare tutti gli sponsor, senza i quali non avremmo potuto fare niente di tutto questo, neanche organizzare questo torneo, e anche ad Orazio della Vineria da Romolo, che ci ha prestato la sua sala».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati