Hockey, sfuma la finale per il Follonica | MaremmaOggi Skip to content

Hockey, sfuma la finale per il Follonica

Finisce il sogno del Galileo battuto dal Trissino in rimonta nella semifinale di Continental Cup. In A1 esordio amaro per il Cp Grosseto battuto dal Vercelli 7-5, al termine di una partita combattuta. Tutti i risultati
Una fase della semifinale di Continental Cup fra Trissino e Follonica

FOLLONICA. Sconfitta amara per il Galileo Follonica nella semifinale di Continental Cup: al Capannino, di fronte a circa 800 spettatori, il Gsh Trissino, in rimonta, supera i maremmani per 6-5. E in finale i veneti sfideranno i portoghesi del Valongo che hanno avuto la meglio sugli spagnoli del Calafell per 3-2.

L’atto conclusivo della Supercoppa europea sarà il remake della finale di Eurolega dello scorso 15 maggio, che ha visto trionfare sempre il Trissino 7-4 ai rigori (4-4 dopo i supplementari).

Semifinale Gsh Trissino (Ita) vs Galileo Follonica H. (Ita): 6-5

GSH TRISSINO: Stefano Zampoli, (Giovanni Bovo); Joao Galbas Pedrol, Giulio Cocco, Jordi Mendez Ortiz, Francisco Ipinazar, Andrea Malagoli, Joao Pedro Garcia Santos Pinto, Davide Gavioli, Filippo Schiavo. All. Alessandro Bertolucci.

GALILEO FOLLONICA: Leonardo Barozzi, (Gabriele Irace); Davide Banini, Federico Pagnini, Marco Pagnini, Fernando Hernan Montigel, Didac Llobet Soler, Francesco Banini, Oscar Bonarelli, Alberto Cabiddu. All. Sergio Alberto Chacim Beja da Graca. Silva.
ARBITRO: Pedro Figuereido (Por) e Ruben Fernandez (Spa)
RETI: pt (2-2) 8’14 Malagoli (T), 16’36 F.Pagnini (F), 16’58 Mendez (T), 19’23 F.Banini (F); st 4’39 Cocco (T), 10’40 M.Pagnini (F), 13’20 Galbas (T), 13’31 rig. F.Pagnini (F), 14’18 M.Pagnini (F), 19’59 Mendez (T), 23’05 Gavioli (T). 

Una punizione di Marco Pagnini durante la semifinale di Continental Cu fra Trissino e Follonica

FOLLONICA. Una semifinale spettacolare, quella giocata al Capannino.  Il derby italiano è stato intenso, ricco di colpi di scena e molto equilibrato, anche se il Trissino nel finale è stato molto più cinico del Follonica, vincendo per 6-5.

Una partita da cardiopalma

Il primo pericolo lo portano gli azzurri maremmani. Cocco si becca il blu per un fallo su Montigel: Davide Banini sul secondo tentativo spara fuori la punizione. Il Trissino passa all’8’. L’ex Malagoli al volo da destra fa secco Barozzi per l’1-0. Il pari Follonica grazie all’assist di Montigel che da destra imbecca Federico Pagnini che davanti a Zampoli non sbaglia e fa 1-1. Pochi secondi e Mendes riporta avanti i veneti: e sul tiro respinto da Barozzi al volo insacca il 2-1.

Il nuovo pareggio di Francesco Banini è tutta opera del nuovo golden boy del Golfo: break a centro pista, volata a destra e botta imprendibile per il portiere. Galbas commette fallo da cartellino blu su Llobet: lo steso spagnolo batte la punizione, parata, ma con i giocatori maremmani che erano scattati prima e in ogni caso il tiro sarebbe stato annullato. Nella ripresa il Trissino si riporta in vantaggio. Cocco su una punizione corta dal limite dell’area indovina il diagonale giusto. 

Una panoramica del Capannino di Follonica 

Sempre Cocco avrebbe l’occasione di allungare sul 10° fallo di squadra del Follonica: il tiro è largo. Al 10’ gli azzurri pareggiano ancora al termine di un’azione magistrale. Marco Pagnini dialoga con Montigel, si infila in area e riceve l’assist al bacio dall’argentino infilando praticamente a porta vuota il 3-3. Sul blu a Francesco Banini, la punizione di Malagoli è ben parata da Barozzi. Galbas però in power play insacca il 4-3. Poco dopo Mendes stoppa in area con il pattino e Federico Pagnini non perdona e pareggia su rigore, infilando sotto le gambe di Zampoli il 4-4. Spinto dal tifo degli 800 spettatori del Capannino, il Follonica passa addirittura in vantaggio.

Sul 10° fallo di squadra, Marco Pagnini mette dentro il 5-4. Pinto e Montigel vengono espulsi per reciproche scorrettezze. Ipinazar commette fallo senza cartellino, ma Davide Banini non trasforma. Così Gavioli imbecca Mendez che pareggia, 5-5.A meno di due minuti dalla sirena ci pensa Gavioli con una bordata all’incrocio a segnare il 6-5, con il Follonica che manda in pista il quinto giocatore di movimento nell’ultimo minuto ma non basta.  

La finale tra Trissino e Ad Valongo si giocherà alle 15.

L’ex fortemarmino sugli scudi

Semifinale: Parlem CP Calafell (Spa) vs AD Valongo (Por) 2-3
PARLEM CALAFELL: Gerard Camps Adroguè, (Marc Solans Gali); Arnau Xaus Molinari, Joan Salvador Escala Lopez, Marti Casas Lozano, Sergio Miras Valero, Oriol Palau Pascual, Jordi Ferrer Miro, Humberto da Silva Mendes, Francisco Fernandez. All. Ferran Lopez Jurado.
COLQUIMICA VALONGO: Alexander Xano, Rafael Bessa Moreira, Francisco Silva, Facundo Navarro, Facundo Bridge, Diogo Abreu, Nuno Santos, Carlos Ramos, Miguel Moura, Goncalo Bento. All. Joao Almeida.

ARBITRI: Matteo Galoppi (Ita) e Filippo Fronte (Ita).
RETI: pt (2-2) 7’37 Casas (C), 10’17 Miras (C), 10’43 Moura (V), 11’21 Abreu (V); st 18’28 pp Navarro (V). 

FOLLONICA. Spettacolo già nella prima semifinale fra gli spagnoli del Calefell, vincitori della World Skate Europe (sul Follonica) e il Valogno. Sugli scudi l’ex fortemarmino Casas: al 7’ in tap-in buca da destra Xano. Nemmeno tre minuti e ancora il catalano che sul tiro di Miras finito sulla balaustra, recupera e al volo segna il 2-0.

Pochi secondi e Moura dalla distanza accorcia subito per i portoghesi. Nemmeno un minuto e Abreu da destra al volo insacca il pareggio. Nella ripresa Casas spreca la punizione di prima, fallo di Moreira sullo stesso Casas, il tiro è parato da Xano. Al 18’ rigore per il Calafell, Miras centra il palo. Sul 10° fallo del Calafell, il Valongo invece sfrutta la punizione: Navarro batte Camps per il 3-2. Il Calafell fallisce un’altra punizione, fallo di Bridge su Casas, e Xano stoppa Xaus. L’ultima emozione a 3 secondi dalla sirena, blu a Miras, con Navarro che non trasforma ma sigilla la vittoria.

 

Serie A1, sconfitta per il Cp Grosseto

Edilfox Cp Grosseto vs Engas Vercelli 5-7

EDILFOX CP GROSSETO: Giovanni Menichetti, (Paride Sassetti); Alexander Terence Mount, German Nacevich Nardi, Pablo Nelson Saavedra, mario Federico Rodriguez Figueroa, Gaston Alberto De Oro Marinaro, Stefano Paghi, Alessandro Franchi, Serse Cabella. All. Michele Achilli.

ENGAS VERCELLI: Mattia Verona, (Andrea Raffa); Matteo Brusa, Maximiliano Oruste, Enrico Zucchiatti, Diogo Andrè Baptista Das Neves, Matteo Loguercio, Matteo Zucchetti, Sergi Canet Vila. All. Sergi Punset Marquez.

ARBITRI: Roberto Giovine di Salerno e Roberto Toti di Salerno.

RETI: (3-3) pt 4’48 Zucchetti (V), 7’40 Neves (V), 12’36 Mount (G), 13’10 Nacevich (G), 22’21 Canet (V), 23’17 Rodriguez (G); st 3’46 pp, 7’59 pp, 9’35 pp e 17’38 pp Neves (V), 18’24 Saavedra (G), 24’22 Mount (G).

 GROSSETO. Inizia con una sconfitta amara la stagione di A1 del Circolo Pattinatori Edilfox, battuto (7-5) sulla pista Mario Parri di via Mercurio da un Engas Vercelli cinico nello sfruttare i cinque tiri diretti avuti a disposizione, tutti trasformati da Diogo Neves, arrivato alla corte di Punset dal Sandrigo. I biancorossi di Michele Achilli hanno invece fallito le tre opportunità del tiro libero. E alla resa dei conti sta tutta qui la differenza tra le due formazioni. Il Grosseto dopo essere riuscito a rimettere in piedi la gara nel primo tempo, nella ripresa ha accusato il colpo e anche a causa delle belle parate di Matteo Verona non è più riuscito a recuperare. 

Un gol di Nacevich del Cp Grosseto contro il Vercelli

Un ko per certi versi inatteso, anche se Achilli in settimana aveva messo in guardia i suoi ragazzi sulla pericolosità dei piemontesi. La squadra ha avuto qualche comprensibile pausa nella prima frazione, ma nella ripresa ha cercato con insistenza la rete, finendo forse per innervosirsi un po’.

L’Edilfox ha presentato subito in campo l’ultimo arrivato, Gaston “tonchi” De Oro, nel quintetto iniziale insieme al portiere Menichetti, Rodriguez, Franchi e Saavedra

Gaston “Tonchi” De Oro in azione del Cp Grosseto

I primi minuti di gioco scorrono all’insegna dell’equilibrio, ma è il Vercelli che ha perso l’argentino Oruste (sospetta frattura al naso) dopo una manciata di secondi, a colpire per primo con un tiro dalla distanza di Zucchiatti. Il Grosseto si getta subito in avanti alla ricerca del pareggio, ma un fallo di De Oro, sanzionato con il cartellino blu, consente a Diogo Neves di raddoppiare su una punizione di prima. 

I Pattinatori accusano il colpo, per alcuni minuti sembrano come bloccati. Dalla panchina si alzano però i due stranieri che mettono in parità il match nel giro di 44 secondi. Mount va a segno con un bel diagonale dalla destra, Nacevich mette in rete una pallina respinta da Verona. Il Grosseto diventa padrone della pista e cominciano a fioccare occasioni, anche se i piemontesi resistono e a 2’39 dalla fine del primo tempo tornano avanti con una bella incursione di Canet.

Non passa nemmeno un minuto e Mario Rodriguez raccoglie l’assist di Pablo Saavedra per mettere in fondo alla rete il 3-3. La gara si fa bellissima e prima della sirena Menichetti e Verona salvano il risultato con ottimi interventi. Nella ripresa al 4’ Diogo Neves firma la doppietta sul tiro diretto. Un brutto fallo di Zucchiatti (espulso) su Franchi, manda sul dischetto per un tiro diretto Paghi, che viene neutralizzato da un grande intervento di Verona. Una punizione di prima concessa per il fallo di Franchi su Zucchetti, permette all’Engas di portarsi sul 5-3 dopo otto minuti: Menichetti ferma con i pattini il tentativo ancora di Neves, che però riprende e mette in fondo alla rete.

Sempre il portoghese Neves firma anche la quarta rete personale, mettendo sotto la traversa un altro tiro diretto concesso per il fallo (dubbio) di Rodriguez. La gara diventa nervosa, con gli arbitri che stentano a tenerla sotto controllo. Paghi fallisce una punizione di prima, mandando la palla a lato. Stessa sorte il tentativo di Alex Mount sul decimo fallo di squadra dei piemontesi. Diogo Neves segna il quinto tiro diretto di serata sul quindicesimo fallo del Cp, ma ci pensa il capitano Pablo Saavedra a tenere in vita le speranze grossetane a 6’36 dalla fine. Mount a 42 secondi trova anche il quinto gol, ma non c’è più tempo per andare oltre e arriva il primo stop di una stagione lunga, nella quale ci sarà tutto il tempo per recuperare. 

I risultati della 1° giornata di serie A1

 

  Gds Versilia Hockey Forte TeamServiceCar HRC Monza 3-2
  Edilfox CP Grosseto 1951 Engas H.Vercelli 5-7
  Amatori Wasken Lodi CGC Viareggio 4-2
  Why Sport Hc Valdagno Gamma Innovation Sarzana 2-5
18/9/22 18 Ubroker H.Bassano 1954 Telea Medical Sandrigo H.  
21/9/22 20,45 Galileo Follonica H.1952 Tierre Chimica Montebello  
21/9/22 20,45 Gsh Trissino HC Montecchio Precalcino  

 

La classifica di A1

 

Engas Vercelli 3
Gamma Innovation Sarzana 3
Amatori Wasken Lodi 3
Gds Impianti Forte dei Marmi 3
Cgc Viareggio 0
Edilfox Cp Grosseto 0
Teamservicecar hrc Monza 0
Why Sport Valdagno 0
Ubroker Bassano  
Telea Medical Sandrigo  
Galileo Follonica  
Tierre chimica Montebello  
Gsh Trissino  
Montecchio Precalcino  

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected