A folle velocità sull'Aurelia, dirigente d'azienda nei guai Skip to content

A folle velocità sull’Aurelia, dirigente d’azienda nei guai

Via la patente e maxi multa: la polizia stradale ha decurtato 110 punti a due uomini sorpresi a 180 chilometri all’ora al Collecchio. Controlli a tappeto
Una pattuglia della polizia stradale

ALBERESE. Non c’è margine d’errore: la misurazione della velocità delle due auto che sono sfrecciate a 180 chilometri all’ora sull’Aurelia è stata rilevata dal telelaser della polizia stradale. Che ha così fermato i due uomini che al volante credevano di essersi trasformati in piloti. Uno è un dirigente di una spa che viaggiava su un’Audi A6, l’altro un giovane che era al volante di una Citroen con assetto sportivo

Ha fatto quindi “doppietta” il telelaser della stradale, che era ferma al lato della corsia nord dell’Aurelia all’altezza di Collecchio: in un giorno sono state fermate e sanzionate le due auto che viaggiavano a folle velocità sulla statale. Decurtati 110 punti , via la patente, sospesa per un anno e  maxi multa (più di mille euro). I due viaggiavano infatti, in quel tratto di strada, a una velocità superiore ai 60 chilometri orari in più del consentito. 

Controlli a tappeto in tutta la provincia

Con il consueto incremento del traffico sulle strade in occasione delle festività natalizie, la  polizia ha potenziato, su tutto il territorio nazionale, i servizi di vigilanza stradale per contenere gli incidenti e garantire, alla circolazione, fluidità e sicurezza.

Oltre 100 le pattuglie della polizia stradale che hanno tenuto gli occhi ben aperti sui limiti di velocità, sulle condizioni psicofisiche dei conducenti e sull’uso dei cellulari alla guida.

Questo con il solo e unico obiettivo: ridurre, fino ad azzerarlo, il numero di vittime da incidente stradale.

Così, nei giorni scorsi sono scese in campo, lungo le principali arterie della provincia, oltre 130 pattuglie, che hanno accertato 182 violazioni sequestrato 4 veicoli e ritirato 7 patenti e 4 carte di circolazione.

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected