Va via la corrente elettrica, negozianti costretti a chiudere Skip to content

Va via la corrente elettrica, negozianti costretti a chiudere

Succede a Castiglione, forse la causa sono gli alti consumi concentrati in alcune ore della giornata che fanno “saltare” i contatori
Il corso di Castiglione della Pescaia

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Come se l’afa di queste settimane non bastasse, a mettere in crisi alcune aree del centro a Castiglione della Pescaia è stata anche la mancanza di energia elettrica, che in qualche caso ha fatto chiudere dei negozi.

Succede oramai da qualche giorno, specialmente la sera, quando evidentemente il consumo di corrente elettrica è più alto.

Negozi chiusi e commercianti infuriati

Un danno evidente, reso ben chiaro dagli sfoghi di alcuni commercianti anche sui social media, che hanno messo a conoscenza del problema anche l’amministrazione comunale.

Una situazione di forte disagio, che la stessa Enel distrubizione sta monitorando. A quanto pare nel centro storico di Castiglione lo scorso martedì 19 luglio c’è stata una interruzione intorno alle 21.30 per eccesso di carico sulla linea Bt. Le squadre intervenute hanno risolto il problema in meno di un’ora dalla chiamata. In pratica era una cabina elettrica “saltata” e prontamente sistemata. Con una nota a corredo dell’intervento.

Una delle vie del centro di Castiglione della pescaia

In riferimento alle segnalazioni, E-distribuzione (società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica di media e bassa tensione) ha informato che si è verificato soltanto uno scatto di linea il 19 luglio, intorno alle 21:30, su un singolo tratto di via Le squadre operative dell’azienda elettrica sono intervenute e in meno di un’ora dalla chiamata hanno ripristinato il servizio.

Inoltre, è stato attivato un monitoraggio con ispezione sulla linea in virtù del quale i tecnici di E-Distribuzione hanno redistribuito i carichi elettrici, grazie alle linee interrate di nuova generazione collegate in anello che sono state realizzate pochi anni fa in alcune aree del centro di Castiglione.

La nota di Enel Distribuzione

A corredo dell’intervento, l’azienda ha rilasciato una comunicazione aggiuntiva. «Tuttavia, possono verificarsi anche fenomeni di eccesso di prelievo di singole utenze su cui E-distribuzione non può pronunciarsi – scrive – per quanto riguarda gli impianti privati, mentre resta a disposizione per ogni verifica puntuale sulle linee di bassa tensione fino ai contatori dei clienti».

L’Azienda ricorda anche che «Per segnalazioni e richieste di intervento è utile contattare il numero 803500, indicando il codice Pod (nel formato IT001E…) dell’utenza riportato nella bolletta elettrica. Inoltre – continua la compagnia – è possibile registrarsi a e-Notify, il servizio che consente di ricevere da E-distribuzione ​comunicazioni e avvisi tramite sms, email o Telegram su interruzioni di corrente per lavori programmati di manutenzione previsti nell’area geografica in cui si trova la propria fornitura. Ma anche sullo stato di avanzamento delle pratiche o su interventi di tecnici in loco».

È possibile ricevere informazioni anche sui canali social Facebook e Twitter E-Distribuzione nonché sul sito web dove, nella sezione “interruzione di corrente”, è a disposizione la “mappa delle disalimentazioni” che fornisce dati in tempo reale sullo stato della rete elettrica.

Alla base dei problemi potrebbero esserci cause molteplici

Proprio nel centro di Castiglione ci sono stati molti interventi negli ultimi tempi e le linee sono in pratica nuove. Sono stati anche ridistribuiti i carichi, proprio per ovviare a questo tipo di problemi che si verificano in concomitanza dei picchi di consumo.

Per questo molti pensano che all’origine dei disagi e delle temporanee interruzioni di energia in alcune aree (non solo in negozi o ristoranti, ma anche nelle abitazioni), ci sia un vero e proprio sovraccarico, che fa saltare i salvavita mettendo in crisi l’approvvigionamento di energia.

Nel tempo, molte cucine sono passate dal consumo a gas a quello elettrico con le piastre a induzione, senza dimenticare che il gran caldo delle ultime settimane ha fatto accendere molti condizionatori, con un conseguente aumento del consumo di energia elettrica sia nelle abitazioni che negli esercizi commerciali.

Al di là delle ipotesi, comunque quello che rimane certo è sicuramente il disagio evidente: quando “salta” la luce c’è poco da fare se non attendere il ripristino da parte della centrale.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected