Un panino al prosciutto per il guardalinee | MaremmaOggi Skip to content

Un panino al prosciutto per il guardalinee

I tifosi a Città di Castello se la sono presa con il guardalinee. Multa e diffida per la società. Ma con il Ponsacco si gioca a porte aperte
La curva dei tifosi del Grosseto calcio
La curva dei tifosi del Grosseto calcio

GROSSETO. Se da un punto di vista sportivo la trasferta di Città di Castello ha assunto un magnifico significato per arricchire la classifica e intensificare gli sforzi, che portano alla salvezza diretta, dall’altra parte occorre accendere la luce sugli episodi, che hanno indotto il giudice sportivo a prendere decisioni pesanti nei confronti della società.

Il comunicato della Lega Nazionale Dilettanti, Dipartimento Interregionale, numero 84 del 24 gennaio, infatti, contiene la sanzione di 2.500 euro di multa e diffida al Grosseto 1912 con la seguente motivazione: «Per avere propri sostenitori, dal 18° del primo tempo e per tutta la durata della gara, rivolto espressioni minacciose e ingiuriose all’indirizzo di un assistente che veniva fatto altresì oggetto del lancio di sputi che lo “attingevano” (colpivano, ndr) al collo, alla testa e ad un braccio. In due occasioni, inoltre, venivano lanciate all’indirizzo del medesimo ufficiale di gara tre bottigliette di plastica vuote e un panino che non lo colpivano».

Sorvolando simpaticamente sul fatto che, probabilmente, è la prima volta che viene tirato un panino ad un guardalinee e razionalmente anche le ragioni per farlo restano avvolte nel mistero più fitto, resta l’amaro di un comportamento certamente da censurare.

Il minuto d’inizio della contestazione coincide con la rete annullata ai biancorossi nel primo tempo.

La società non approva

«Visto dal vivo e dalla tribuna dove erano presenti, tutti i dirigenti maremmani non hanno approvato la decisione dell’arbitro – ricorda il presidente Antonio Fiorini – rivedendo poi le immagini il gesto di Giustarini era irregolare e la decisione arbitrale giustificabile. La rete era irregolare».

«La reazione della tifoseria non è in linea con la politica societaria, l’intero sodalizio non approva questo comportamento – termina Fiorini – non si doveva andare oltre certi limiti».

La società pensa a un reclamo, tramite l’avvocato Mattia Grassani.

Riccardo Giusti, detto Sirpe, torna sul lancio del panino, lo fa con l’arguzia che lo distingue: «Certamente non era imbottito di prosciutto maremmano, quello tagliato a mano, altro tre dita, dentro c’era prosciutto senza carattere».

Con il Ponsacco porte aperte allo Zecchini

Una cosa, in conclusione va chiarita: la diffida non è una squalifica. La partita con il Ponsacco di domenica prossima (ore 14,30) sarà a porte aperte. Ma, in caso di recidiva, le giornate di squalifica rischiano di diventare due. Occhio, quindi.

Punti vendita Ciaotickets Grosseto

  • Bar Sport in via Felsinea 2 (tranne la domenica)
  • Edicola La Vasca in piazza Fratelli Rosselli snc
  • Il semaforo in via Giuseppe Parini 1
  • Tabaccheria Stolzi in via Roma 58
  • Centro Sportivo US Grosseto 1912 in via dei Laghi Roselle snc

Per acquistare i biglietti online
www.ciaotickets.com/organizzatore/us-grosseto-1912-ssd-arl.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected