Spari contro il bar: non potranno frequentare i locali Skip to content

Spari contro il bar: non potranno frequentare i locali

Il ventisettenne che impugnava la pistola è stato scarcerato e ora è ai domiciliari: né lui né il suo amico potranno entrare nei bar di Gavorrano per due anni
Una volante della polizia

GAVORRANO. Due divieti di accesso alle aree urbane emessi dal questore Antonio Mannoni ai due ragazzi che il 29 ottobre dell’anno scorso, si sono presentati davanti a un bar di Bagno di Gavorrano e, uno dei due, ha sparato tre colpi di pistola contro il locale

Il ventisettenne che era stato arrestato e portato in carcere su ordinanza del giudice Marco Mezzaluna, difeso dall’avvocato Adriano Galli, qualche giorno fa è stato scarcerato e ora è ai domiciliari. 

Feste e locali vietati

Il ventisettenne e il ragazzo che era con lui, un ventunenne indagato per lesioni e rapina, per due anni non potranno frequentare bar e locali nel comune di Gavorrano. Se non rispetteranno il provvedimento di divieto, i destinatari di tali provvedimenti rischiano una condanna da sei mesi a due anni di reclusione oltre ad una multa da un minimo di 8mila ad un massimo di 20mila euro.

Il ventisettenne aveva già avuto un avviso orale del Questore, un anno fa. Avviso al quale non ha ottemperato quando si è presentato, lo scorso ottobre, davanti al bar con una pistola in pugno. 

LEGGI ANCHE:

Spedizione punitiva e colpi di pistola: arrestato 27enne

Spari contro il bar: «Ho comprato la pistola su Amazon»

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected