Slalom tra i rifiuti per parcheggiare alla stazione | MaremmaOggi Skip to content

Slalom tra i rifiuti per parcheggiare alla stazione

Il parcheggio che fiancheggia l’area, trafficato di giorno, la sera si trasforma in terra di nessuno, sporco e malfrequentato
La spazzatura nel parcheggio

GROSSETO. Per anni parcheggiare vicino alla stazione è stato un problema serio, per mancanza di posti. Ora che qualche stallo di sosta in più c’è, a quanto pare si deve fare lo slalom tra la spazzatura.

Il nuovo spazio cittadino è stato inaugurato il 18 aprile 2016 e allora voleva rappresentare una soluzione al problema: una nuova viabilità, comprensiva del parcheggio pubblico di scambio con 130 posti auto con il terminal bus accanto. Tutto compreso all’interno dell’ex area dello scalo merci. A fianco della stazione di Grosseto.

Il parcheggio dopo i primi mesi sembrava già non bastare più, c’era quasi da chiedersi dove fossero tutte quelle auto prima. Tutt’ora è spesso al completo, specialmente nei giorni lavorativi. È un’area di sosta che comunque serve chi deve prendere il treno e chi prende il bus o il pullman extraurbano.

Appena fa buio, il parcheggio diventa terra di nessuno

Trafficata di giorno, l’area si sosta si trasforma in un territorio abbandonato, appena cala la sera, malfrequentata e piena di sporcizia. 

Non è raro, infatti, trovare a terra rifiuti di vario genere. C’è anche chi compra birra e cibo nei supermercati lì vicino e va a consumarli nel parcheggio, abbandonando a terra il tutto: lattine, bottiglie, borsine e sacchetti.

Due foto nel parcheggio

Un cittadino che stava tornando alla propria macchina ieri sera, 17 ottobre, come altre volte ha dovuto evitare i rifiuti per arrivare alla sua auto. Da qui, la sua segnalazione a MaremmaOggi.

«Il parcheggio è in condizioni assurde – ha raccontato – ed è pericoloso. Ci sono gruppetti di persone che non raccomanderei di incontrare a nessuno. Sono sempre in giro in questa zona, con lattine e bicchieri di birra in mano, dalla mattina alla sera».

Non è la prima volta che l’area della stazione ferroviaria viene segnalata come un luogo pericoloso. Più volte integrata nei piani di controllo delle forze dell’ordine, rimane un punto della città dove, soprattutto di sera, nonostante i lampioni accesi, chi si trova a passare da lì continua a sentirsi poco al sicuro. E la sporcizia abbandonata a terra, di certo non aiuta.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected