Si è spento Olindo Pecci, allenatore di vita | MaremmaOggi Skip to content

Si è spento Olindo Pecci, allenatore di vita

Un silenzio assoluto avvolge tutti quei ragazzi che ha accolto sotto le sue ali, l’allenatore lascia un vuoto anche fuori dal campo: era un simbolo e un esempio per molti
Olindo Pecci e la squadra di calcio dell'U.S.Civitella
Olindo Pecci (il primo a destra) con la squadra dell’ U.S.Civitella

CIVITELLA PAGANICO. Si è spento Olindo Pecci, uomo di calcio, maestro di vita. Un vuoto incolmabile per tutti, un silenzio assoluto per tutti quei ragazzi che ha avuto sotto le sue ali, prima in campo, quindi nel percorso quotidiano dell’esistenza. Piero Cortecci, segretario dell’Unione Sportiva Civitella, lo ricorda con parole semplici, quelle riservate alle persone il cui valore umano sovrasta nettamente ogni altra considerazione.

«Erano gli anni ’80 quando allenò il Civitella. Furono due campionati di straordinarie emozioni e non solo perché la squadra sfiorò la promozione – racconta Cortecci – lui, Olindo, tecnicamente insegnava calcio, umanamente era un maestro di vita. I ragazzi di quelle formazioni sono cresciuti sotto tutti i punti di vista grazie alle sue meticolose istruzioni, al suo esempio».

«Era un allenatore di primo piano – prosegue – ha lasciato una gran bella luce sul mondo del calcio. Ha lavorato anche per il Sauro lasciando la sua naturale impronta anche in quel terreno di gioco e in tanti altri ragazzi. Adesso avvertiamo la sua enorme assenza – conclude Cortecci – la società Civitella, l’intera comunità, tutti quelli che hanno avuto la fortuna di conoscerlo, lo salutano e lo piangono».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected