Rifiuti: continua l'abbandono nelle campagne | MaremmaOggi Skip to content

Rifiuti: continua l’abbandono nelle campagne

Dall’arredamento agli elettrodomestici di cucina, e chissà cosa c’è sotto le lamiere. Tutto abbandonato nella campagna vicino alla città
rifiuti abbandonati in campagna
I rifiuti abbandonati in via di Brancaleta

GROSSETO. «C’è dallo spillo al missile»: così una residente descrive l’ultimo abbandono di rifiuti avvistato nelle campagne vicino alla città. L’ammasso di rifiuti comparso dopo Capodanno in via di Brancaleta, tra Roselle e Grosseto, contiene davvero di tutto. Dall’arredamento agli elettrodomestici della cucina, e chissà cos’altro si nasconde sotto le lamiere. «Nessuno in questi giorni ha segnalato a 6 Toscana la presenza di questo materiale, anche lo stesso personale della ditta che passa sulla via non mi risulta abbia riportato alcunché. E non è la prima volta che succede».

Scaricano anche l’amianto

Tempo fa avevano scaricato sempre nella stessa zona dell’amianto, «Un’altra volta – prosegue la residente – dei sacchi dal contenuto conosciuto ed è toccato di nuovo ai cittadini (a lei) segnalare. Questa volta dall’altra parte del telefono ho trovato un’operatrice molto cortese – conclude – mi ha detto che sarebbero passati a breve».

Così è stato infatti: nel primo pomeriggio di ieri, giovedì 12 gennaio, gli operatori della 6 toscana devono essere passati. La montagna di rifiuti era sparita, quantomeno ridimensionata. C’è infatti ancora qualcosa lì. Non si sa bene se quello che assomiglia a una parte di motore facesse parte del vecchio cumulo o se rappresenti un nuovo abbandono. 

Al netto delle supposizioni, il risultato non cambia: quella porzione di verde continua a non avere pace.

altri rifiuti abbandonati brancaleta
Quello che rimane (o che è stato nuovamente abbandonato)

Le frazioni, come la città, purtroppo non sono nuove all’abbandono di rifiuti. Qualche settimana fa a Stiacciole, proprio vicino ai cassonetti, erano stati abbandonati diversi sacchi e materiale destinato al ritiro a domicilio o alle isole ecologiche. Una brutta pratica che nonostante il passare degli anni, sembra ripresentarsi con frequenza in quella zona.

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected