Ragazzi e genitori in piazza contro le norme anti Covid | MaremmaOggi Skip to content

Ragazzi e genitori in piazza contro le norme anti Covid

Dopo alcuni provvedimenti che hanno allontanato degli studenti dalle lezioni in presenza perché non mostravano il green pass, gli studenti hanno protestato
La protesta dei ragazzi e dei genitori contro green pass e normativa anti Covid-19 in Piazza Dante

GROSSETO. Tutti in piazza Dante per protestare contro il green pass. Così genitori e studenti si sono trovati nella piazza principale del centro storico di Grosseto, dalle 8 alle 13, per protestare dopo l’allontanamento di alcuni studenti dalle lezioni in presenza. Ma anche per dimostrare la loro contrarietà alle normative anti Covid-19 che hanno modificato il modo di vivere la scuola da parte degli studenti.

Una foto dei momenti iniziali della protesta dei ragazzi e dei genitori

Non era un caso isolato

Tutto era iniziato con il racconto di uno studente al liceo scientifico. Allontanato dalle lezioni in classe perché non aveva voluto esibire il green pass. Un caso che poi non si è dimostrato essere così isolato. Uno dei genitori presenti alla manifestazione racconta: «L’evento della scuola fa parte di una serie di casi simili avvenuti non solo a Grosseto, dove ragazzi sono stati allontanati dalle lezioni. Allo scientifico ho visto che sono stati esposti i cartelli del dissenso. C’è da dire che i ragazzi da due anni stanno subendo la limitazione di ogni rapporto comunitario, gli è stato tolto così il diritto allo studio senza una grande motivazione scientifica, è un danno. La scuola per prima potrebbe evitarla questa discriminazione, potrebbe decidere o tutti dentro o tutti fuori».

«Abbiamo notizie di ragazzi che vengono vessati da compagni e insegnanti, – prosegue il genitore – indotti a credere che il loro pensiero sia sbagliato a prescindere. Da parte della scuola non ha senso, è contrario al suo ruolo. I ragazzi non sono molti ma ci sono, c’è anche chi non si è presentato, il terrorismo psicologico è tale che hanno preferito nascondersi al manifestare».

Giada, una delle partecipanti alla manifestazione, nella dichiarazione video rilasciata, parla anche del disagio degli studenti accumulato in questi due anni di pandemia: «Non ci sono le basi per garantire una comunicazione efficace tra studenti e insegnanti. La scuola insegna anche come relazionarsi con il mondo, tolto questo suo ruolo, si viene a creare un vuoto. Perché continuare a perpetrare questa didattica che provoca disagi sia a insegnanti che agli studenti? Si preclude di imparare l’aspetto sociale, l’interazione con gli altri. Perché escludere delle persone dal resto della classe? Lo trovo inammissibile.».

Autore

  • Federico Catocci

    Nato a Grosseto, pare abbia scelto quasi da subito di fare l’astronauta, poi qualcosa deve essere cambiato. Pallino fisso, invece, è sempre rimasto quello della scrittura. In redazione mi hanno offerto una sedia che a volte assomiglia all’Apollo 11. Qui scrivo, e scopro. Maremma Oggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik