«Personale preparato e sensibile: mia nipote è nata grazie a loro» | MaremmaOggi Skip to content

«Personale preparato e sensibile: mia nipote è nata grazie a loro»

I ringraziamenti di nonno Paolo dopo il primo abbraccio con la nipote Rachele: la bambina è venuta alla luce nel reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale. «Grato di pagare le tasse per contribuire ad un buon servizio pubblico»
L'ospedale di Grosseto
L’ospedale di Grosseto

GROSSETO. Rachele è nata venerdì 4 agosto e mamma Elena sta bene. Già questa, da sola, vale come buona notizia che merita di essere raccontata. Ma Paolo, diventato nonno di una splendida bambina, vuole raccontare anche altro: la professionalità e la disponibilità di chi lavora nel reparto di Ostetricia e ginecologia dell’ospedale Misericordia

I ringraziamenti al reparto

Paolo Landi, venerdì sera, ha potuto abbracciare per la prima volta la sua nipotina Rachele, venuta al mondo nel reparto di Ostetricia e ginecologia del Misericordia.

«Vorrei segnalare l’ottima professionalità del reparto di Ostetricia dell’ospedale di Grosseto – scrive – In tempi in cui la sanità pubblica viene bistrattata decantandola come “malasanità”, l’esperienza di mia figlia Elena, nel reparto citato, ha evidenziato, oltre alla professionalità, anche una disponibilità nei confronti dei pazienti, tale da metterli a proprio agio anche in momenti impegnativi e dolorosi quali quelli di un parto. Le dottoresse Francesca Filosomi e Giulia Ceccarini insieme a tutto il turno del reparto, venerdì sera,  mettendo anche tanta passione nel loro operato, hanno permesso la nascita di mia nipote Rachele».

Una nascita, quella della bambina, che ha riempito il cuore di gioia di nonno Paolo. «Quando la sanità pubblica funziona veramente – aggiunge – ritengo doveroso evidenziarlo e dare il giusto merito a chi si impegna quotidianamente in una particolare “missione”». 

Concetto che Landi rimarca anche nella sua firma. Quella di «un cittadino orgoglioso di pagare le tasse per contribuire ad un buon servizio pubblico».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati