Paura a Roselle: «Le auto qui continuano a volare» Skip to content

Paura a Roselle: «Le auto qui continuano a volare»

Due anni fa, una petizione da 300 firme, adesso gli abitanti chiedono alcune soluzioni: il Comune ha una prima risposta
Un tratto di via Batignanese (foto @maremmaoggi)

GROSSETO. Nella frazione a vocazione termale alcuni abitanti in via Batignanese chiedono soluzioni: troppo spesso le auto non rispettano i limiti di velocità. La via attraversa Roselle come un lungo serpente rilassato, con due curve collegate da due rettilinei. Proprio in questi tratti, alcuni automobilisti, a qualsiasi ora del giorno, avrebbero il piede più pesante. 

Ad essere più in pericolo, anche dai recenti avvenimenti, sono le case a ridosso delle curve. Non molto tempo fa, in aprile, un’auto, lanciata ad alta velocità sbandò piombando nel giardino di una delle abitazioni sulla via.

Non solo le abitazioni e i loro residenti rischierebbero, sulle “anse” del serpentone (ma anche lungo il rettilineo), ci sono incroci che portano a strade interne, compresi marciapiedi anche discretamente frequentati durante il giorno. La preoccupazione di molti è spesso rivolta anche al semplice ingresso in strada con la propria auto o al passeggiare su alcuni tratti del marciapiede.

Gli abitanti 2 anni fa raccolsero circa 300 firme chiedendo soluzioni. La petizione fu consegnata nelle mani dell’allora assessore Fabrizio Rossi (oggi anche vicesindaco). «Poi, a parte i dossi con le strisce pedonali che sono stati su via Rosellana, non ho visto altro – dice una residente – non vedo mai un vigile urbano sulla via, e le auto continuano a sfrecciare in mezzo al paese».

Alcuni si aspettavano autovelox, altri dissuasori, altri ancora una presenza più sostanziosa della polizia municipale. Alcune soluzioni come i dissuasori avrebbero finito per raccogliere l’antipatia dei residenti, e gli agenti della municipale dopo un primo periodo di maggiore presidio, come raccontano alcuni abitanti, avrebbero diminuito la loro presenza sulla frazione.

Dal Comune arriva una prima risposta

Riccardo Megale, assessore alla sicurezza e alla mobilità del Comune di Grosseto, già si occupò della realizzazione dei due dossi che sono in via Rosellana nel precedente mandato.

Sono quelli installati nel tratto che precede l’ingresso nel cuore del paese, prima del ponte e dell’inizio di via Batignanese. «Adesso è in fase di lavorazione un progetto che dovrà essere reso esecutivo entro fine anno. Prevede da 1 a 3 dossi nel tratto di via Batignanese proprio nella sezione tra il bar davanti al ponte, e la sede del Consorzio agrario».

Questa sarà una prima risposta a un problema molto sentito come quello della velocità sulla via, con l’augurio che i dossi arrivino e che servano a far rallentare gli automobilisti più indisciplinati.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected