Omicidio di Gavorrano, Sonia va in carcere | MaremmaOggi Skip to content

Omicidio di Gavorrano, Sonia va in carcere

Insieme a Mirko Meozzi, Santi è stata condannata per aver ucciso e rapinato uno spacciatore nel bosco: ora la condanna a 14 anni di carcere è diventata definitiva
Sonia Santi
Sonia Santi

GAVORRANO. Sonia Santi è tornata in carcere. La 36enne originaria di Suvereto deve scontare 14 anni per aver ucciso e rapinato, insieme a Mirko Meozzi, uno spacciatore 25enne nel bosco a Gavorrano, Bouazza Jarmouni e per aver ferito in maniera grave un altro ragazzo sempre di origini nordafricane, Rahaal El Jamouni. 

La sentenza di condanna emessa dal tribunale di Grosseto il 24 novembre 2021 è diventata definitiva. 

La Corte d’appello conferma: non c’è stata premeditazione

Sonia è stata portata al carcere Don Bosco di Pisa, dopo che la Corte d’appello ha confermato la sentenza di condanna del tribunale di Grosseto. Era stata la sostituta procuratrice Anna Pensabene, un anno fa, a presentare appello per il riconoscimento della premeditazione

Ma anche secondo i giudizi fiorentini, così come è successo in primo grado, non hanno applicato l’aggravante della premeditazione. 

Il procuratore generale presso la Corte d’appello aveva chiesto una condanna a 19 anni e 4 mesi. Senza però essere stata riconosciuta l’aggravante della premeditazione, i giudici hanno ritenuto corretta l’applicazione del rito abbreviato che ha permesso lo scoto di un terzo della pena. 

LEGGI ANCHE:

Omicidio di Gavorrano: condannati a 14 anni, non c’è stata premeditazione

Omicidio di Gavorrano: «Sonia la mente, Mirko il braccio»

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati