Niente alcol nella zona di via Roma: «Così tornerà un po' di quiete» Skip to content

Niente alcol nella zona di via Roma: «Così tornerà un po’ di quiete»

L’ordinanza, voluta dall’assessore Riccardo Megale e scritta dal comandante della municipale Alessio Pasquini è una risposta alle richieste dei residenti
La municipale al palazzo Cosimini

GROSSETO. È un lavoro lungo alcuni mesi quello che ha portato l’assessore alla Sicurezza Riccardo Megale a proporre al sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna l’ordinanza che il primo cittadino ha firmato questa mattina, lunedì 19 settembre. Ordinanza che è stata scritta dal comandante della polizia municipale Alessio Pasquini e che nasce dal lavoro che gli agenti hanno fatto durante i loro servizi di controllo nella zona, incrociati con quelli della altre forze dell’ordine, i cui risultati sono stati poi discussi al tavolo del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica presieduto dalla prefetta Paola Berardino

Ubriachi molesti e ragazzetti scalmanati

L’ordinanza firmata dal sindaco su proposta dell’assessore Megale vieta la vendita per l’asporto di alcolici dalle 21 alle 6 del mattino, nella zona compresa tra porta nuova e via Trieste e che comprende quindi anche via Roma e l’ormai famigerato largo Rattazzi, dove sorge il palazzo Cosimini

Un quadrilatero dove i problemi principali sono quelli dell’abuso di alcol e dei comportamenti molesti conseguenti: schiamazzi, sporcizia, vandalismi. «L’ordinanza ricalca il regolamento di polizia municipale che vige in centro – spiega il comandante della polizia municipale Alessio Pasquini – e che ci ha permesso, nei mesi scorsi, di tenere sotto controllo determinati atteggiamenti che diversamente avrebbero potuto creare problemi di sicurezza urbana, certamente non di ordine pubblico». 

Durante l’anno, sono state elevate diverse multe ad altrettanti locali e negozi che vendevano alcol da asporto nell’orario in cui vige il divieto. 

È ovvio che l’ordinanza non potrà risolvere tutti i problemi che i residenti della zona si sono trovati più volte a fronteggiare. Ma il solo fatto di non avere un posto nelle vicinanze dove acquistare alcol da asporto, potrebbe scoraggiare, soprattutto i ragazzini che bivaccano nella zona, ad allontanarsi o a tenere comportamenti meno fastidiosi. 

L’ordinanza resterà in vigore, intanto, fino al 6 novembre

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected