Morto misteriosamente a 43 anni, fissati i funerali | MaremmaOggi Skip to content

Morto misteriosamente a 43 anni, fissati i funerali

La salma, dopo l’autopsia, è stata restituita ai familiari, lunedì a Sterpeto l’ultimo saluto: la Procura ha aperto un fascicolo contro ignoti. L’uomo è morto durante il trasporto in ambulanza
Gil Catayong

GROSSETO. Saranno celebrati lunedì 25 marzo, alle 11, nella chiesa del cimitero di Sterpeto, i funerali di Gil Catayong, il quarantatreenne di origini filippine, ma residente da almeno dieci anni in Italia con la sua famiglia, nella stessa Grosseto, morto in circostanze tutte da chiarire giovedì 14 marzo, durante il trasporto in ambulanza all’ospedale cittadino, e sulla cui morte la Procura di Grosseto ha aperto un procedimento penale, al momento contro ignoti, e disposto l’autopsia, già effettuata: i suoi familiari, per fare piena luce sui fatti, ora si sono rivolti allo Studio3A.

La vittima, che aveva lavorato a lungo in una lavanderia della zona e al momento era impiegato in un ristorante, sempre del luogo, e che non soffriva di patologie particolari, all’inizio di marzo aveva preso una brutta influenza con febbre altissima che non scendeva neppure con i farmaci: si era dunque recato dal medico di famiglia, che gli aveva prescritto gli esami del sangue, ma dalle analisi i valori erano risultati tutti a posto e la febbre, poi, stava passando.

Dimesso dall’ospedale, muore in ambulanza due giorni dopo

Martedì 12 marzo, tuttavia, al quarantaduenne è subentrato all’improvviso un forte gonfiore alle mani e non riusciva più a sollevare oltre il gomito: preoccupati, i suoi familiari hanno chiamato l’ambulanza e il paziente è stato portato al pronto soccorso dell’ospedale da dove però è stato dimesso dopo meno di quattro ore, in quanto dagli accertamenti a cui era stato sottoposto non sarebbe emerso nulla di anomalo.

Le sue condizioni, tuttavia, a casa sono via via peggiorate, e non solo le mani erano sempre più gonfie: non riusciva neanche più a scendere dal letto e neppure ad aprire la bocca, tanto che i suoi familiari gli davano da bere con una siringa. Giovedì 14 marzo, il suo ultimo giorno di vita

I suoi familiari, hanno di nuovo chiamato l’ambulanza ma i sanitari, vedendo la siringa e sospettando potesse essere collegata all’uso di droghe, hanno a loro volta avvisato i carabinieri, i quali sono intervenuti e hanno perquisito l’abitazione. Catayong è stato portato di nuovo al pronto soccorso.

Quando finalmente l’equivoco della siringa è stato chiarito e i congiunti della vittima hanno potuto recarsi all’ospedale al capezzale del loro caro, al loro arrivo hanno ricevuto la tragica notizia che era deceduto durante il trasporto in ambulanza.

La procura apre un fascicolo contro ignoti

È stata la Procura ad aprire un fascicolo, subito informata dai carabinieri, al momento contro ignoti. Il pm ha disposto l’autopsia per stabilire le esatte cause della misteriosa morte ed eventuali responsabilità di terzi, compresi i medici e sanitari che lo hanno avuto in cura.

L’esame autoptico è stato effettuato nella giornata di martedì 19 marzo dal medico legale Matteo Benvenuti, il consulente tecnico d’ufficio incaricato dal pm, e i risultati saranno determinanti per dare risposte alla famiglia della vittima che, una volta ultimate le operazioni peritali, ha ricevuto il nullaosta alla sepoltura dall’autorità giudiziaria e così potuto fissare la data delle esequie in Italia e poi avviare le pratiche per l’espatrio della salma nelle Filippine, dove riposerà.

Gil Catayong ha lasciato in un dolore immenso un figlio di 19 anni, la compagna, la madre, due fratelli e una sorella i quali, per essere assistiti, fare chiarezza sui tragici fatti e ottenere risposte e giustizia, attraverso l’Area manager per il Lazio e la Toscana Matteo Cesarini, si sono rivolti a Studio3A-Valore S.p.A., società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati