La Rete anti discriminazione debutta in Maremma | MaremmaOggi Skip to content

La Rete anti discriminazione debutta in Maremma

Una serie di eventi per far conoscere l’attività della Rag: concerti, incontri, feste tutto nel segno dell’antidiscriminazione e del linguaggio inclusivo
Da sinistra: Marco Giuliani, Luciano Calì, Virginia Balbonesi, Lucia Cortecci, Cecilia Buggiani, Lorenzo Rossi, Francesco Limatola, Claudia Casini e Daniele Mirani
Da sinistra: Marco Giuliani, Luciano Calì, Virginia Balbonesi, Lucia Cortecci, Cecilia Buggiani, Lorenzo Rossi, Francesco Limatola, Claudia Casini e Daniele Mirani

GROSSETO. La Rete antidiscriminazione grossetana, Rag, ha deciso di rinnovarsi e iniziare a combattere il linguaggio d’odio in modo diverso. Un piccolo passo per diventare tutti un po’ più inclusivi. La Rag opera nella provincia di Grosseto dal 2016 e punta a reprimere le discriminazioni di ogni genere.

Proprio per questo hanno deciso di cambiare e di rinnovarsi, per raggiungere sempre più persone, con l’aiuto della Provincia di Grosseto. «Abbiamo erogato un finanziamento in modo che la Rag riesca a entrare in contatto con più realtà possibili – dice Francesco Limatola, presidente della Provincia – Associazioni come questa sono fondamentali perché danno forma e sostanza al concetto di uguaglianza espresso nell’articolo 3 della nostra Costituzione».

Le parole sono una parte fondamentale del comportamento umano e utilizzare un linguaggio diverso aiuterebbe le minoranze a sentirsi più accettate. «Negli ultimi anni le persone sono più inclusive con la comunità Lgbtq+, grazie anche a tutti gli eventi che mirano alla sensibilizzazione – dice Lorenzo Rossi della Rag – Mentre non è così per quanto riguarda altri temi, come per l’immigrazione e il caporalato del lavoro»

La Rag, i “nodi” e il progetto

La Rag si sta dando un nuovo slancio per contrastare al meglio i fenomeni discriminatori. «Le commissioni delle pari opportunità hanno un ruolo strategico per noi, per aiutarci a costruire qualcosa per tutti – dice Marco Giuliani della Rag – L’aiuto delle istituzioni è fondamentale per vedere un cambiamento positivo in tutti i territori».

I “nodi” sono tutti quei luoghi d’associazione, che siamo musicali, commerciali, sportivi e via dicendo, che mettono a disposizione i loro spazi per lavorare piano piano a contrastare il linguaggio d’odio. La prima attività di Grosseto a diventare un nodo è stato il Comix Caffè.

Alcuni volontari della Rag di fronte al Comix Caffè dopo aver affisso l'adesivo
Alcuni volontari della Rag di fronte al Comix Caffè dopo aver affisso l’adesivo

«Questo progetto coinvolge tutta la comunità e dura 6 mesi e mira a raggiungere i potenziali attori della Rag. Praticamente studieremo insieme a tutti i volontari come strutturare al meglio le nostre azioni, come crescere, come comunicare e come individuare azioni pilota – dice Claudia Casini di Simug – Inoltre abbiamo creato molti eventi sul territorio con cui entreremo in contatto con i cittadini».

«Abbiamo creato anche dei laboratori dove confrontarsi sui valori e anche sulla carta fondamentale della Rag – conclude – per mettere a frutto l’esperienze e la capacità dei partecipanti per mettere in atto delle strategie per l’antidiscriminazione».

Infine per diventare un nodo basta compilare un modulo su questo sito web e sarà possibile richiedere sia informazioni che iscriversi.

Ecco tutti gli eventi di Rag

Gli eventi di luglio:

  • Martedì 9 luglio c’è il concerto del Mago del Gelato al Casello idraulico di Follonica, che inizierà alle 21, ma la Rag sarà presente dalle 19;
  • sabato 13 l’associazione è presente al concerto di Studio Murena sabato 13 luglio a Ravi marchi.  L’evento comincia alle 21, ma l’associazione è presente dalle 19;
  • domenica 14 c’è la Shikkeria queer sunset al bagno Jacarè di Capalbio dalle 17, dove potrete trovare anche la rete antidiscriminazione;
  • mercoledì 17 alle 18 al QB potrete trovare la Rag alla presentazione del libro digitale gratuito “Sei sempre tu”, a cura di Agedo, Elena Broggi e Enrico Maria Ragaglia, edita da Erickson.

A settembre e ottobre si svolgono invece i tre laboratori partecipativi dedicati a vecchi e nuovi aderenti della Rag:

  • Mercoledì 11 settembre 2024 dalle 17 alle 20 il primo laboratorio sarà sotto forma di Word Cafè e sarà finalizzato a definire la gestione della carta dei valori, l’aggiornamento del protocollo di intesa e gli aspetti organizzativi della rete;
  • sabato 28 settembre 10 alle 17 si svolgerà invece un laboratorio gestito con la tecnica dell’open space technology, per rispondere insieme alla domanda: «quale strategia e quali azioni adottare per la Rag?»;
  • martedì 8 ottobre dalle 17 alle 20 l’ultimo laboratorio sarà di action planning, ovvero i presenti costruiscono il programma delle attività della Rag e il piano di comunicazione e finanziamento;
  • giovedì 31 ottobre, dalle 18 in poi alla Sala Pegaso del palazzo della Provincia di Grosseto, c’è l’incontro di chiusura del progetto.

Autore

  • Marina Caserta

    Collaboratrice di MaremmaOggi. Amo le bollicine, rigorosamente in metodo classico; il gin e credo che ogni verità meriti di essere raccontata. Non bevo prosecco e non mi piacciono né i prepotenti né le ingiustizie. Maremma Oggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik