Il Pd: «Rossi non c'è quasi mai, lasci le deleghe» | MaremmaOggi Skip to content

Il Pd: «Rossi non c’è quasi mai, lasci le deleghe»

Il gruppo consiliare Pd sottolinea le assenze in giunta del neodeputato e chiede che la giunta sia pienamente operativa
Giunta in consiglio senza Rossi e Petrucci
Il consiglio comunale con i posti di Simona Petrucci e Fabrizio Rossi vuoti

GROSSETO. Il gruppo consiliare del Pd va all’attacco di Fabrizio Rossi. Sottolineando le assenze in giunta e in commissione. Il Pd parla chiaro: «L’Italia ha bisogno di parlamentari, Grosseto di assessori. Pnrr e bollette richiedono una giunta presente e efficace».

Al tempo stesso il gruppo consiliare fa notare come Simona Petrucci, l’assessora nella stessa situazione di Fabrizio Rossi, abbia già annunciato che lascerà le deleghe a fine anno.

Il Pd: «Rossi assente a metà riunioni della giunta e in commissione»

«Fabrizio Rossi – scrivono dal gruppo Pd – vicesindaco e assessore con deleghe di primaria importanza come urbanistica, edilizia privata, toponomastica, centro storico, aree Peep e Pip, partecipate ed infine sport, da quando è stato eletto alla Camera dei deputati, non ha presenziato a circa il cinquanta per cento delle riunioni di giunta; per non parlare della quarta commissione, dove le tematiche delle sue deleghe sono dibattute e sviluppate».

«Il dato la dice lunga sulla necessità oggettiva di avere quanto prima un altro assessore al suo posto, vista la complessità dell’incarico da deputato che richiede la presenza su territori particolarmente vasti».

«In un momento così complesso, dove la città, già economicamente fragile, subisce i colpi della crisi energetica e dell’inflazione, con un segretario generale comunale che ha già le valige in mano (andrà a Piacenza dal 7/11, qui l’articolo, ndr)  quando ancora i progetti del Pnrr sono in gran parte ai nastri di partenza; un Piano Strutturale ancora lontano dalla sua approvazione, fa piacere che il sindaco confermi la necessità di un rimpasto. Del resto fu lui stesso, il 28 settembre 2022, a manifestare le sue intenzioni alla stampa, (…“quando sceglieremo i nuovi assessori”… ) e quindi ci auspichiamo di passare quanto prima dalle parole ai fatti».

Il Pd: «Dalla Petrucci senso di responsabilità»

«D’altronde Simona Petrucci, l’altro assessore eletto ma al Senato, con encomiabile senso di responsabilità ha già dichiarato che il 31 dicembre prossimo rinuncerà alle sue deleghe, fra le quali ricordiamo quella delicata all’ambiente».

«Preso atto delle buone intenzioni, l’opposizione, visti gli episodi del passato, non può dormire sogni tranquilli e sarà quindi necessaria ogni azione affinché quanto annunciato diventi presto realtà».

«Ogni azione ma non qualunque azione, perché ad esempio la mozione che intende presentare il movimento 5 Stelle al prossimo consiglio comunale, non può essere condivisa dal Partito Democratico, sia per gli aspetti tecnici e soprattutto politici, non si possono trattare gli assessori come dipendenti e soprattutto togliere al sindaco l’autonomia sulla gestione delle deleghe come appunto prevede legge 267 art. 4 del TUEL e concessagli dal voto democratico».

«Così come non è stato possibile in parlamento neanche il Comune si può aprire come una scatoletta di tonno. Il prossimo consiglio comunale, quindi, sarà l’occasione per attivare l’attenzione dei cittadini e far presente alla maggioranza quanto sia importante procedere e soprattutto in modo celere per rimettere in asset la piena governabilità della macchina amministrativa».


LEGGI ANCHE

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected