Bufera in Comune a Grosseto, si dimette il segretario generale Skip to content

Bufera in Comune a Grosseto, si dimette il segretario generale

Luca Canessa lascia e va a fare il direttore generale a Piacenza. Lasciando a metà l’enorme opera di riorganizzazione dell’Ente
Luca Canessa con il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna il giorno dell'insediamento, nel marzo del 2020
Luca Canessa con il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna il giorno dell’insediamento, nel marzo del 2020

GROSSETO. Bufera in Comune a Grosseto. Mentre è in corso una riorganizzazione poderosa dell’Ente, delegata in toto dal sindaco e la giunta al segretario generale, quest’ultimo ha rassegnato le dimissioni.

Luca Canessa, a poco più di un anno dal voto, lascia il Comune e va a Piacenza. Prenderà servizio nella città emiliana all’inizio di novembre, pare già il 7.

La decisione del segretario generale è arrivata quasi improvvisa nel palazzo di piazza Duomo.

Poi, intorno all’ora di pranzo di giovedì 27, lo stesso Canessa ha spiegato che per lui si è trattata di un’occasione di crescita (QUI l’articolo). E il sindaco l’ha salutato con un post.

Luca Canessa, una carriera in vari Comuni

Luca Canessa, 51 anni, livornese, non è nuovo a scelte di questo genere. In carriera è stato segretario a Montignoso, Massarosa, Alghero e poi Forlì, dove ha lasciato dopo appena 4 mesi per venire proprio a Grosseto.

Era in carica a Grosseto dall’inizio di marzo del 2020 e, di fatto, aveva un ruolo da direttore generale, anche se non prevista nei Comuni sotto ai 100mila abitanti. A lui la politica grossetana ha delegato tantissime funzioni, in particolare la poderosa riorganizzazione dell’Ente in corso in questo periodo.

A Piacenza, di poco sopra i 100mila abitanti, Canessa potrà avere, ufficialmente, il ruolo di direttore generale. Ovviamente con altro stipendio. Ma la decisione pare non sia legata solo a motivi economici.

A Grosseto, intanto, già si sta lavorando per cercare un sostituto. Circolano già i primi nomi.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected