Il Grifone "ristrutturato" si prepara a Piancastagnaio Skip to content

Il Grifone “ristrutturato” si prepara a Piancastagnaio

Sul campo sintetico della Pianese, capolista con merito, si apre di fatto il nuovo cammino del Grosseto calcio. Ecco le parole del tecnico Liguori
Grosseto-Terranuova, Cesaroni esulta dopo la rete @maremmaoggi
Grosseto-Terranuova, Cesaroni esulta dopo la rete @maremmaoggi

GROSSETO. Piancastagnaio accoglie un Grifone riveduto e corretto in tutti gli aspetti. Nuova proprietà, nuovo direttore sportivo, rosa rivoluzionata in entrata e uscita (l’ultima è quella del portiere Denis Plitko).

Solo la panchina di Liguori, insieme al suo staff, è uscita indenne dal sisma prima preannunciato, poi ragionato, quindi concretizzato in tempi strettissimi.

Il nuovo cammino del Grifone

Sul campo sintetico della Pianese, capolista con merito, si apre, dunque, un nuovo cammino del Grifone ristrutturato come una casa con il superbonus. Adesso la parola passa al calcio giocato, cioè a quel rettangolo verde che, fortunatamente, non perde mai la prerogativa di giudice supremo.

Mister Liguori questa regola la conosce benissimo perché è la base di ogni allenatore. «Si, ho una squadra differente, ma è ho sempre la mia squadra – dice il tecnico – Sono assolutamente soddisfatto dei nuovi arrivi, che ci daranno maggior qualità e spessore tecnico. I profili che mi ha sottoposto Vetrini sono ottimi. Personalmente non divido mai l’uomo dal calciatore e le caratteristiche che sono in rosa assolvono questo binomio. Ho molto gradito l’inserimento dei nuovi e come sono stati accolti dal gruppo. Si è già creata una buona armonia nello spogliatoio».

È la formazione a tenere banco in conferenza.

«I giovani giocano un ruolo decisivo nella formazione – sostiene Liguori – In questo momento siamo molto meglio di quando siamo partiti, ma le scelte per la Pianese saranno indirizzate anche nel far integrare i nuovi in maniera migliore possibile e non far alterare gli equilibri che abbiamo conquistato. Mi interessa diventare squadra, per farlo occorre trovare le misure, i metri, la conoscenza tra i giocatori. Le mie priorità restano le solite: prima la società, poi il gruppo, quindi il singolo e il mister».

La Pianese ha stupito tutti. Che gara si aspetta?

«Ha meravigliato anche me – esordisce – è una formazione quadrata, che gioca con grandi interpreti. Il rispetto e la considerazione che diamo alla Pianese sono gli stessi che diamo a qualunque avversario. Non sono preoccupato – prosegue –  credo nei miei ragazzi, sulle loro potenzialità. Andiamo a viso aperto per giocare a pallone cercando di vincere ogni duello, di conquistare tutti i palloni. Se la Pianese in quei novanta minuti saprà essere più brava, stringerò ogni singola mano».

Ha percepito già qualche differenza nel gruppo?

«Ho notato subito l’innalzamento della qualità durante gli allenamenti – racconta Liguori – Adesso abbiamo meno giocatori da gestire e un numero uguale di under e non, questo porta a sedute altamente competitive. Questo grazie ai nuovi arrivi ma anche a chi è rimasto. Era stracontento prima, sono stracontento adesso del gruppo che guido. Adesso sta a me gestire l’insieme. Un problema molto stimolante, che sognavo dall’inizio della stagione anno».

Quindi un nuovo campionato.

«La società chiede, in maniera netta, di arrivare alla salvezza nel miglior modo possibile e nel minor tempo possibile. Se assolviamo in fretta a questa richiesta – sostiene – solo allora si apriranno altri orizzonti. Dobbiamo essere una squadra rognosa e cattiva con tutti, ma dobbiamo indossare il vestito di sempre, quello che porta alla salvezza. In pratica non ci dobbiamo imborghesire, sarebbe semplicemente odioso. Di sicuro abbiamo cambiato pelle e andiamo a Piancastagnaio per dimostrarlo».

Questi i 20 convocati: Aleksic, Battistoni, Bruno, Carannante, Cesaroni, Ciolli, Cipolletta, Cirillo, Cretella, Crivellaro, Di Bonito, Ferrante, Gomes De Pina, Martino, Pasciuti, Passalacqua, Rotondo, Scaffidi, Tripicchio, Veronesi.

Programma serie D girone E 16ª giornata (18/12/22 alle 14:30)

  • Flaminia Civitacastellana – Mobilieri Ponsacco (Sciolti di Lecce; 1° ass. D’Orazio di Teramo, 2° ass. Berardino di Teramo)
  • Follonicagavorrano – Ostia Mare (Chieppa di Biella; 1° ass. Tragni di Matera, 2° ass. Berardino di Teramo)
  • Ghiviborgo – Seravezza Pozzi Calcio (Mancini di Pistoia; 1° ass. Elisino di Ostia Lido, Giovenale di Viterbo)
  • Orvietana – Livorno (Cerea di Bergamo; 1° ass. Castellari di Bologna, 2° ass. Cavalli di Bergamo)
  • Pianese – Grosseto (Muccignato di Pordenone; 1° ass. Munitello di Gradisca d’Isonzo, 2° ass. Mea di Udine)
  • Poggibonsi – Tau Calcio Altopascio (Zippilli di Mantova; 1° ass. Ndoja di Bassano del Grappa, 2° ass. Scaldaferro di Vicenza)
  • Sangiovannese – Montespaccato (Stabile di Padova; 1° ass. Antonini di Bassano del Grappa, 2° ass. Fortugno di Mestre)
  • Sporting Club Trestina – Arezzo (Totaro di Lecce;  1° ass. Scifo di Trento, 2° ass. Cirillo di Roma 1)
  • Terranuova Traiana – Città di Castello (Carpini di Isernia; 1° ass. Nasi di Reggio Emilia, 2° ass. Toschi di Imola)

Gli anticipi e la classifica. Frenata di Livorno e Arezzo

  • Flaminia Civitacastellana  – Ponsacco 3-1
  • Ghiviborgo – Seravezza Pozzi Calcio 0-3
  • Orvietana Calcio – Livorno  1-0
  • Poggibonsi  – Altopascio 3-
  • Sporting Club Trestina – Arezzo  1-1
  • Terranuova Traiana – Città Di Castello 2-2

La classifica aggiornata

  • Pianese 35 – 15
  • Arezzo 31 – 16
  • Poggibonsi 29 – 16
  • Flaminia 28 – 16
  • FolGav 27 – 15
  • Livorno 25 – 16
  • Città Di Castello 22 – 16
  • Seravezza Pozzi 20 – 16
  • Ponsacco 19 – 16
  • Sangiovannese 18 – 15
  • Grosseto 18 – 15
  • Ostia Mare 18  – 15
  • Sc Trestina – 18 – 16
  • Ghiviborgo 18 – 16
  • Tau Altopascio 17 -.16
  • Montespaccato 15 – 15
  • Orvietana 13 – 16
  • Terranuova Traiana 12 – 16

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected