Il giallo della firma pro Ricciuti: «Il comitato locale non può decidere» Skip to content

Il giallo della firma pro Ricciuti: «Il comitato locale non può decidere»

Intervista al segretario provinciale di Italia Viva Valerio Pizzuti: «Ora siamo un vero partito con una struttura, partecipiamo alle elezioni con i nostri rappresentanti ufficialmente eletti per quel ruolo»
Il segretario di Italia Viva Valerio Pizzuti

FOLLONICA. Chiarezza è fatta sull’imbarazzo derivato dalla smentita del segretario provinciale Valerio Pizzuti in merito all’appoggio politico che Italia Viva Follonica avrebbe dato ad Alessandro Ricciuti nelle amministrative del prossimo 8 giugno.

Il comitato locale si era unito ad altri movimenti e comitati politici in un documento congiunto a sostegno della candidatura dell’attuale assessore follonichese Ricciuti, ma dalle parole decise di Pizzuti sembra proprio che non lo potesse fare.

L’intervista al segretario Pizzuti

Segretario cos’è successo esattamente?

«Molto semplicemente, dobbiamo partire dal presupposto che Italia Viva è oramai giunta a darsi una strutturazione da vero partito, con tutti gli organi previsti e le rispettive funzioni. Inizialmente si erano formati dei circoli territoriali in autogestione, ma quella fase è ormai superata».

Questi circoli però esistono ancora?

«Certo, ma questi circoli o comitati avevano il solo scopo di promuovere nel proprio territorio Italia Viva e segnalare eventuali criticità, non certo di prendere decisioni o fare politica».

Quindi i comitati lavoravano in attesa che il movimento si strutturasse in partito?

«Esatto. Infatti lo scorso autunno abbiamo fatto il congresso, abbiamo discusso le mozioni, abbiamo votato contenuti e persone dando forma al progetto iniziale. Il comitato di Follonica non ha partecipato, non ha presentato mozioni, insomma non si è proprio visto ed ora firma i comunicati stampa che parlano di una scelta politica? Non esiste proprio».

Segretario, deve sapere che nel frattempo è arrivata una dichiarazione, diciamo correttiva, da parte del comitato follonichese in merito a quel comunicato stampa. Si parla di un’incomprensione probabilmente nata da un incontro con il delegato della zona nord in cui si disse che «ci comunicava che in una data intorno al 13 febbraio 2024, se si fossero iscritti ad Italia Viva una decina di follonichesi, si sarebbe potuto nominare un coordinatore, per confrontarsi poi con lui e continuare un percorso politico da valutare insieme fino alle elezioni del 8 e 9 giugno 2024. Quindi per noi, fino a quella data, era utilizzabile il comitato ma probabilmente abbiamo frainteso visto quello che scrive il sig. Pizzuti sulla stampa. Ci dispiace di questo fraintendimento e sospendiamo in data odierna ogni comunicazione dell’ormai ex comitato».

«Non capisco come si faccia a fraintendere dal momento che non c’è ancora stato quel passaggio fondamentale che sono le elezioni. Le nostre cariche sono elettive non nominali, quindi non essendoci stata nessuna votazione non ci sono nemmeno le figure di riferimento, fermo restando che comunque i processi devono necessariamente passare dalla segreteria».

Nella comunicazione chiarificatrice si dice che il comitato di Follonica è ormai un ex; pensa di recuperare le fila nella seconda città della provincia e partecipare alle prossime elezioni?  

«Certo che saremo presenti, Follonica è una città importante e non possiamo mancare; quindi ci saremo con i nostri rappresentanti eletti sia provinciali che locali e, mi preme dirlo, ufficialmente eletti per quel ruolo».

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati