Finge di pagare la spesa mentre il complice svuota la cassa | MaremmaOggi Skip to content

Finge di pagare la spesa mentre il complice svuota la cassa

Per scappare dal supermercato uno dei tre uomini ha mostrato un coltello: incastrati dalle immagini delle telecamere, uno di loro è scappato a piedi per i campi ma sono stati arrestati
Una pattuglia dei carabinieri

ORBETELLO. Sono scappati dal supermercato di Capalbio Scalo dopo aver fatto vedere il manico di un coltello nascosto sotto la giacca al cassiere, che si era accorto che uno dei due uomini aveva appena aperto il cassetto del registratore di cassa per prendere l’incasso. Gli hanno detto di non chiamare nessuno, mostrandogli l’arma. 

Poi sono saliti in auto e sono scappati. Dal negozio, è partito l’allarme ai carabinieri che si sono precipitati per raccogliere la testimonianza del personale e acquisire le immagini delle telecamere di videosorveglianza. 

Rubano nei supermercati, poi scappano

È stata un’indagine lampo, quella dei carabinieri di Orbetello, che ha portato all’arresto di tre uomini. A finire in carcere sono stati Levani Kveladze, 28 anni, georgiano, Vahtang Japaridze, 36 anni anche lui georgiano e Adam Malikov, sloveno di 38 anni. 

I tre, che sono stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza del supermercato di Capalbio Scalo, sono saliti sulla loro auto. Che poche decine di minuti dopo, è stata segnalata sull’Aurelia, mentre viaggiava in direzione sud. C’era appena stato un altro furto, in un supermercato, questa volta a Orbetello Scalo. 

I carabinieri non hanno impiegato troppo tempo per mettere insieme i pezzi del puzzle: i tre fuggitivi erano gli autori dei due furti appena successi. In auto con loro viaggiava anche un quarto uomo.

I militari hanno cominciato a inseguire l’auto, un suv grigio scuro, sull’Aurelia. Nonostante abbiano intimato l’alt più volte con la sirena, per fermare i tre la pattuglia ha dovuto affiancare la vettura e stringerla verso il guard rail. 

Uno scappa: sequestrati soldi e coltelli

Quando l’auto si è fermata, l’uomo che era seduto accanto al guidatore, è riuscito a scappare a piedi per i campi. Ora è ricercato. Kveldaze, Japaridze e Malikov, tutti difesi dall’avvocata Marlene Rossi, sono stati arrestati. La giudice Ludovica Monachesi ha disposto il divieto di dimora nella nostra provincia. 

I carabinieri hanno perquisito l’auto sulla quale viaggiavano i quattro uomini e hanno sequestrato 3.605 euro in contanti, soldi che erano stati divisi tra i tre uomini, un passaporto, e i berretti che indossavano i ladri durante il colpo al supermercato di Capalbio scalo, oltre a quattro lame con le relative custodie

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati