Farfalle, sulla Maccarani dalla Federazione una scomunica a metà Skip to content

Farfalle, sulla Maccarani dalla Federazione una scomunica a metà

Il consiglio della FederGinnastica la rimuove dalla direzione tecnica, ma la conferma nel ruolo di allenatrice
Emanuela Maccarani in estate con il sindaco Andrea Benini (foto Comune di Follonica)
Emanuela Maccarani in estate con il sindaco Andrea Benini (foto Comune di Follonica)

FOLLONICA. Una decisione a metà, in attesa degli sviluppi penali.

Il consiglio della Federazione Ginnastica d’Italia ha deciso di sospendere Emanuela Maccarani dal ruolo di direttrice tecnica della nazionale: la tecnica milanese, coinvolta nello scandalo abusi che sta scuotendo la ginnastica ritmica azzurra, continuerà però ad essere allenatrice delle Farfalle.

Questa è la decisione presa dal consiglio, che si è riunito giovedì a Roma sotto la guida del presidente della Federginnastica Gherardo Tecchi, e alla presenza del presidente del Coni Giovanni Malagò.

Tecchi: prendo io la direzione a interim

A confermare la scelta lo stesso Tecchi dopo la riunione: «La direzione tecnica alla Maccarani non è stata confermata, la prendo io ad interim. Questa è una mia decisione dopo aver sentito anche il presidente Malagò. Emanuela continuerà solo ad allenare la squadra nazionale».

«Si aspettano ora le decisioni della Procura federale sul caso abusi: il tribunale dovrebbe pronunciarsi entro i prossimi tre mesi sui presunti casi di abusi psicologici e maltrattamenti all’Accademia di Desio, la casa delle Farfalle. Anche la Procura di Monza sta proseguendo l’inchiesta, che vede indagate Emanuela Maccarani e la sua assistente Olga Tishina».


LEGGI ANCHE

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected