Documenti falsi ai diportisti, indagata titolare dell'agenzia | MaremmaOggi Skip to content

Documenti falsi ai diportisti, indagata titolare dell’agenzia

La donna è accusata di esercizio abusivo della professione, formazione atti falsi e truffa. L’invito della Capitaneria: «Se avete dubbi sulla veridicità, fatevi avanti»
La guardia costiera durante i controlli dei documenti

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Un importante commercio di documenti falsi è stato portato alla luce dopo una complessa attività d’indagine condotta dalla guardia costiera di Porto Santo Stefano e Castiglione della Pescaia e con il coordinamento dalla direzione marittima di Livorno.
Tutto ha avuto inizio durante la scorsa estate quando i militari della guardia costiera castiglionese, durante alcuni controlli di polizia marittima, hanno notato alcune anomalie nei documenti amministrativi di alcune imbarcazioni da diporto.

Diportisti ignari di avere documenti falsi

A far nascere i primi sospetti sono state alcune difformità grafiche riscontrate nei documenti e il fatto che il rinnovo degli stessi fosse stato curato, per conto degli ignari proprietari, dalla medesima agenzia di pratiche nautiche che i trova nel nord della provincia di Grosseto. 
Incrociando gli elementi raccolti con le banche dati del Ministero delle Infrastrutture dei Trasporti, i militari hanno avuto la certezza dell’avvenuta contraffazione di alcune licenze di navigazione, certificati di sicurezza e licenze radio.
Nel corso dell’operazione, su esplicita delega della Procura della Repubblica di Grosseto, il personale della capitaneria di porto ha eseguito una serie di perquisizioni nelle sedi di tre diverse Agenzie di pratiche nautiche, due in Toscana ed una in Campania, che hanno portato al sequestro di rilevanti quantità di documenti e di sistemi informatici.

L’appello della guardia costiera: «In caso di dubbio, fatevi avanti»

Gli elementi così raccolti hanno portato a contestare, alla titolare dell’agenzia, i reati di abusivo esercizio della professione, di formazione di atti falsi e di truffa.
Le altre agenzie di pratiche nautiche e i proprietari delle imbarcazioni sono risultati estranei alle attività illecite.
La capitaneria di porto invita coloro che avessero dubbi sull’autenticità dei documenti della propria imbarcazione da diporto a rivolgersi all’Ufficio marittimo di Porto Santo Stefano o presso uno sportello telematico del diportista (STeD), ubicati su tutto il territorio nazionale.

 

Autore

  • MaremmaOggi

    nasce dall'idea di Guido Fiorini e Francesca Gori Notizie in tempo reale, turismo, economia, sport, enogastronomia, ambiente, informazione MaremmaOggi il giornale on line della Maremma Toscana - #UniciComeLaMaremma

    Visualizza tutti gli articoli

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

Reset password

Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo un link per cambiare la tua password.

Powered by Estatik