Disturbi alimentari, presto l'apertura della residenza | MaremmaOggi Skip to content

Disturbi alimentari, presto l’apertura della residenza

L’Asl ha trovato i partner per la co-progettazione: accoglierà i pazienti 24 ore al giorno per 7 giorni alla settimana, sarà pronta entro l’estate
La residenza Casa Mora

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Si accorciano i tempi per l’apertura del servizio di residenza al centro per i disturbi della Nutrizione e dell’Alimentazione (DNA) della Asl Toscana sud est di Casa Mora a Castiglione della Pescaia.

È di pochi giorni fa, infatti, la determina che ha individuato tra i candidati partecipanti alla “Procedura ad evidenza pubblica per la selezione di partner per la gestione dei progetti terapeutico-riabilitativi da svolgere a partire dalla struttura Casa Mora” dello scorso ottobre, due soggetti idonei a procedere alla fase successiva dell’iter, con la presentazione di un progetto congiunto e la successiva definizione del piano di attività. A selezionare i due partner è stata una commissione di esperti istituita ad hoc.

Apertura entro l’estate

«Come da programma, abbiamo mantenuto l’impegno preso insieme alla Direzione aziendale e in tempi brevi siamo arrivati a questo punto di svolta per l’apertura della residenza del centro di Casa Mora – commenta Giuliana Galli, direttrice Dipartimento Salute mentale della Sud est – In sostanza, da fine aprile potremmo sedere al tavolo di co-pianificazione con i partner selezionati, prevedendo verosimilmente di completarlo entro l’estate e finalmente dare avvio all’attività prevista. Un grande traguardo che completerà l’offerta assistenziale nell’ambito delle patologie legate ai disturbi del comportamento alimentare». 

Al centro di Casa Mora è da tempo attivo il servizio di semi-residenza, grazie al quale i pazienti possono essere assistiti e curati durante le ore del giorno. Si tratta della prima struttura sanitaria pubblica della Toscana e una delle poche a livello nazionale, dedicata al trattamento dei disturbi alimentari in regime semi-residenziale e a breve anche residenziale.

Pazienti dai 14 anni in su

Il regime di residenza che andrà a integrare il servizio, accoglierà i pazienti 24 ore per 7 giorni a settimana, con una programmazione di attività sia individuali che di gruppo e personalizzata. Possono fare riferimento al centro adolescenti dai 14 anni fino all’età adulta. L’équipe aziendale di operatori è formata da psicologi, psichiatri, neuropsichiatri infantili, medici nutrizionisti che sono presenti secondo i bisogni. Nella struttura lavorano a tempo pieno anche infermieri, educatori, dietisti e operatori sociosanitari per tutte le attività programmate e l’assistenza ai pazienti.

«L’attivazione della residenza completa per la Sud est i quattro livelli di assistenza, ambulatoriale, semiresidenziale, residenziale e ospedaliero, previsti dalle linee di indirizzo sui disturbi della alimentazione e della nutrizione  – spiega Margherita Papa, responsabile del Centro di Casa Mora – Questo permette di avere una continuità delle cure che risulta essere il principale fattore terapeutico, in quanto i disturbi alimentari sono disturbi complessi, che richiedono interventi multidisciplinari e la cui cura, purtroppo, può durare anche anni, in media cinque anni di trattamento. Inoltre la continuità delle cure, la presenza di tutti i livelli di assistenza e la regia di un’unica equipe multidisciplinare permetterà ai pazienti e alle loro famiglie di trovare la risposta di salute adeguata sul proprio territorio senza doversi allontanare, con costi sociali e familiari notevoli». 

LEGGI ANCHE:

Il centro per disturbi alimentari non funziona

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati