L'arte della distillazione di Agostino Jacobelli | MaremmaOggi Skip to content

L’arte della distillazione di Agostino Jacobelli

Nel laboratorio artigianale di Borgo Carige, racconta i profumi della Maremma distillando solo prodotti naturali del territorio
Alcuni prodotti di Jacobelli Liquori
Alcuni prodotti di Jacobelli Liquori (ph Marcello Serra)

Il territorio e i suoi prodotti raccontati con Conad Grosseto

CAPALBIO. Il suo “Amaro etrusco” lo conoscono anche in Canada, il “Mirto di Maremma” non ha niente da invidiare al fratello maggiore della Sardegna e il “Lemoncino dell’Argentario” è un trionfo di profumi e suggestioni. E questo solo per citare tre dei suoi prodotti più conosciuti.

Agostino Jacobelli, dal suo laboratorio artigianale a Borgo Carige, nel comune di Capalbio, dal 1989, quando si è trasferito in Toscana da Tivoli, racconta la Maremma attraverso l’intensità dei suoi aromi più preziosi, distillando e lavorando prodotti genuini del territorio.

Il viaggio di Maremma Oggi tra le eccellenze dell’enogastronomia maremmana insieme a Conad, ci porta dunque a Borgo Carige, piccola frazione tra il centro abitato di Capalbio e il mare.

70 anni di storia iniziata dietro il bancone di un bar a Tivoli

La Jacobelli liquori è nata alla fine degli anni ’50 e, pur restando sempre al passo con le nuove tecnologie, è riuscita a conservare intatte la tradizione e l’artigianalità di una volta.

È stato Antonio, il padre di Agostino, che possedeva un bar a Tivoli a produrre il primo liquore di una lunga serie: l’Amaretto di Tivoli, un elisir che incontrò subito il gradimento dei suoi avventori e anni dopo fece nascere in Agostino la passione per la delicata arte della distillazione e della produzione di liquori.

Da quella passione ha preso forma l’idea di mettere su un laboratorio artigianale, malgrado che Antonio avesse cercato di scoraggiare il figlio, che invece, imperterrito, fondò a Tivoli la Jacobelli liquori e cominciò a produrre i suoi primi distillati.

La Maremma è arrivata dopo, alla fine degli anni ’80, quando Agostino, grande appassionato anche di vela, decise di trasferirsi in un posto vicino al mare, insieme alla famiglia.

La Maremma terra di ispirazione

«La materia prima della Maremma è la più aromatica e genuina che si possa trovare», dice Agostino che ha individuato in questa terra una fonte di ispirazione per la sua azienda.

Distillare, creare liquori è un’alchimia, in cui non basta la tecnica, ma serve la sensibilità del produttore, la sua capacità di raggiungere l’equilibrio tra i sapori. Solo così nascono prodotto capaci di evocare la magia di un luogo, di un momento, di un’esperienza con l’intensità di un profumo o di un sapore. 

Ogni singola bottiglia Jacobelli racchiude tutto questo: tradizione, spontaneità e dedizione.

La filosofia produttiva di Jacobelli Liquori
La filosofia produttiva di Jacobelli Liquori

Un’azienda di famiglia, proiettata verso il futuro

Oggi, la Jacobelli distillati è un’azienda in cui lavora tutta la famiglia: il fondatore Agostino, oggi 81enne e la moglie Elisa, 76 anni. Insieme insieme a loro la figlia Barbara e il figlio Marco. Una storia che avanti e che regalerà ancora tante emozioni.

La Jacobelli liquori vende i suoi prodotti in Italia e all’estero, dalla Germania al Canada, con un mercato in continua espansione

Alcuni dei prodotti di Jacobelli distillati  – l’Amaro Etrusco, il Limoncino dell’Argentario, il Mirto di Maremma, il Liquore al cioccolato le grappe del Buttero, di Morellino, riserva, Frutti di bosco, Poggio Gufo riserva – sono reperibili sui corner dei prodotti locali nei negozi e punti vendita Conad di Grosseto

  • al centro commerciale Aurelia Antica
  • in via Senegal 9
  • in via Clodia
  • in via Scansanese 177.

JACOBELLI LIQUORI 
Strada Pedemontana, 21
58010 Località Carige Capalbio (Gr)
telefono 0564890006
info@jacobelliliquori.it


ARTICOLO SPONSORIZZATO

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected