Carabinieri forestali: «Riconosciamo il loro valore» | MaremmaOggi Skip to content

Carabinieri forestali: «Riconosciamo il loro valore»

Il sindacato dei carabinieri plaude ai quattro arresti fatti dalla sezione di Paganico insieme ai militari di Roccastrada per il furto del lentisco destinato al Festival di Sanremo
I carabinieri con il lentisco rubato

GROSSETO. «I nuclei carabinieri forestale a salvaguardia del patrimonio naturale della nostra amata regione. Serve attenzione e riconoscimento di valore per tale
specialità dell’Arma dei carabinieri». È il segretario generale regionale dell’Usic Espedito Longobardi, a richiamare l’attenzione sul nucleo speciale dei carabinieri di Paganico che proprio pochi giorni fa, insieme ai colleghi della stazione di Roccastrada, ha arrestato quattro uomini, sorpresi a rubare il lentisco. 

Forestali, fiore all’occhiello dell’Arma

«Non solo ecomafie a parassitare con giro d’affari da capogiro, ma anche microcriminalità che incide prevalentemente per profitto, attentando al patrimonio collettivo dei territori, spesso incrociando la domanda con l’offerta in insospettabili commerci», aggiunge Longobardi.

È questo quello che successo alla fine di gennaio, quando il nucleo carabinieri forestale di Paganico, insieme agli uomini della stazione di Roccastrada, ha svolto con profitto e che ha portato all’arresto di più persone che insieme avevano rubato piante di lentisco dirette al Festival di Sanremo. «I carabinieri forestale sono un fiore all’occhiello per l’Arma dei carabinieri, pur avendo dovuto sopportare una trasformazione, non sempre indolore – aggiunge Longobardi – Ci aspettiamo più attenzione per il benessere delle donne e uomini dei carabinieri forestale, nonché il concreto riconoscimento del costante impegno che permette di preservare e salvaguardare le bellezze floreali, i tesori botanici e faunistici a favore e tutela delle più varie biodiversità presenti in Toscana».

I

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati