La bottega orafa, premiati Confartigianato e Isis Bianciardi Skip to content

La bottega orafa, premiati Confartigianato e Isis Bianciardi

Il progetto vincitore ha coinvolto le classi IVA e IVB, oggi V, del liceo artistico di Grosseto, nell’anno scolastico 2021-2022
Bottega orafa, un momento della cerimonia in sala consiliare
Bottega orafa, un momento della cerimonia in sala consiliare

GROSSETO. Formazione e pratica, l’eccellenza “duale” premia Confartigianato e l’Isis Bianciardi.

L’ottimo risultato è stato celebrato in sala consiliare, perché l’iniziativa ha coinvolto Comune, imprese e il mondo della scuola. Il tutto nell’ambito del “Premio di eccellenza duale”, il tradizionale appuntamento di Ahk Italien (Camera di Commercio Italo-Germanica) che premia i migliori progetti in materia di formazione a stampo duale, cioè che alternano momenti di formazione alla pratica, attivi in Italia.

Uno degli obiettivi del riconoscimento è proprio quello di dare visibilità a progetti che formano nuove figure professionali sempre più richieste sul mercato, rispondendo così alla carenza di personale qualificato.

Per la categoria “Microimprese”, il premio è infatti andato a Confartigianato Grosseto per un progetto indirizzato a 40 studenti nel settore dell’artigianato in Toscana, in collaborazione con l’Isis Bianciardi Grosseto.

Il progetto vincitore: la bottega orafa

Il progetto si chiama: “La bottega orafa: arti e mestieri – laboratorio attivo di metalli e oreficeria” ed ha coinvolto le classi IVA e IVB, oggi V, del liceo artistico di Grosseto, nell’anno scolastico 2021-2022 (Isis Bianciardi di Grosseto con la dirigente Barbara Rosini).

In pratica i giovani studenti hanno realizzato i manufatti in metallo con il tema “Geometrie della natura: riflessi e ombre”, creati poi dai ragazzi nel laboratorio scolastico con la supervisione di due artigiane orafe.

I manufatti stessi sono stati poi indossati durante una sfilata inaugurale, realizzata alle casette cinquecentesche delle mura di Grosseto e oggetto di una mostra allestita nei locali delle mura di Grosseto.

Sono stati infine organizzati sia alcuni laboratori artigiani che dei seminari di approfondimento di tematiche sempre inerenti l’artigianato artistico.

Il sindaco: «Una risposta concreta alla mancanza di lavoro»

«Grazie a Confartigianato Imprese Grosseto – dice il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna – i ragazzi del Liceo Bianciardi e le aziende si sono incontrati per un progetto condiviso, che evidentemente è di grande qualità, visti i risultati e il premio ottenuto addirittura a livello internazionale».

«Si tratta di una risposta concreta che arriva direttamente da Grosseto a grandi problemi del mercato del lavoro, come la disoccupazione giovanile e la carenza di lavoratori qualificati. Mi auguro che il progetto sia d’esempio e abbia un brillante futuro. Sicuramente è stata l’occasione per questi giovani di confrontarsi con il mondo del lavoro, sperimentando un settore molto particolare e un mestiere senza dubbio affascinante, che attende rinforzi».

«Il primo premio ottenuto da Confartigianato Imprese Grosseto al premio nazionale duale della Camera di Commercio italo germanica – spiega Mauro Ciani, segretario provinciale di Confartigianato Imprese Grosseto – oltre ad essere motivo di orgoglio e di soddisfazione, ci sprona ad andare avanti con convinzione nel percorso intrapreso con il liceo artistico Bianciardi».

«La formula scelta è stata quella di coinvolgere gli artigiani orafi facendoli entrare nella scuola per investire sulle competenze dei giovani. L’obiettivo che ci siamo dati è quello di garantire una preparazione a 360 grandi, dall’abilità manuale alle nozioni di marketing, assicurando il trasferimento del know-how, in modo da sopperire, oggi, alla mancanza di figure professionali da inserire nelle nostre aziende e formare al tempo stesso una nuova generazione di futuri imprenditori».

Gli orafi coinvolti nel progetto sono Gabriella Anna Maria Cartella, maestra orafa e Laura Giusti, che ha frequentato proprio il liceo artistico per poi specializzarsi e aprire un laboratorio a Follonica.

Alla cerimonia in sala consiliare erano presenti, oltre al sindaco di Grosseto, anche il presidente del consiglio comunale Fausto Turbanti e gli assessori Angela Amante, all’istruzione, e Bruno Ceccherini, alle attività produttive.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected