Beveraggio fogna a cielo aperto. Il giudice: spetta al Comune bonificare Skip to content

Beveraggio fogna a cielo aperto. Il giudice: spetta al Comune bonificare

Barocci (Forum Ambientalista): «Lo dice anche il giudice. Ci sono reati accertati, figli di scelte urbanistiche sbagliate»
Il fosso Beveraggio nella zona delle Gemme a Barbanella
Il fosso Beveraggio nella zona delle Gemme a Barbanella

GROSSETO. Dietro a un decreto di archiviazione per una denuncia fatta per scarichi abusivi nel fosso Beveraggio, ci sono retroscena che chiamano in causa il Comune. E il controllo, appunto, degli scarichi abusivi nel fosso, in gran parte tombato, ma che poi scorre anche accanto alle case.

Lo dice Roberto Barocci, del Forum Ambientalista.

«Condividiamo – scrive – una frase contenuta nell’ordinanza di archiviazione del Gip sul procedimento contro ignoti promosso nello sorso anno 2022 dalla Procura di Grosseto a seguito di un esposto presentato da una cittadina sulle condizioni inaccettabili del fosso Beveraggio».

Barocci: «Secondo il giudice permangono condizioni illegali per il fosso Beveraggio»

«Tale esposto è stato apertamente sostenuto dall’associazione nazionale Forum Ambientalista e le parole del Gip ci danno un’indicazione importante per il futuro, poiché secondo il giudice permangono i reati accertati e le condizioni illegali in cui si trova il fosso Beveraggio, trasformato negli anni in una pericolosa fogna a cielo aperto che scorre in città».

«Scrive il Gip: spetta all’Amministrazione comunale intervenire e bonificare una situazione, favorita da scelte urbanistiche inadeguate (il tombamento del Beveraggio). che hanno generato reati accertati, ma di non facile individuazione dei responsabili».

«Poichè è indecente che l’Amministrazione comunale mantenga una fogna a cielo aperto accanto ad abitazioni civili chiameremo tale Amministrazione a dare conto delle sue scelte, consapevoli che sono possibili diverse soluzioni tecniche capaci di correggere le scelte urbanistiche sbagliate del recente passato».

Si usino i soldi degli oneri di urbanizzazione

«A tal proposito, premesso che a Grosseto chiunque abbia acquistato un’abitazione di nuova costruzione sa che ha dovuto pagare i non pochi oneri di urbanizzazione, introdotti dal 1977 con la legge Bucalossi, che incidono in media per oltre il 15% sui costi totali, andrebbe presentata un’interrogazione alla giunta comunale: negli ultimi venti anni a quanto ammontano gli oneri di urbanizzazione incassati dal Comune di Grosseto e quanti di essi sono stati investiti come prevede la legge per realizzare le opere di urbanizzazione primaria?» 

«In particolare nelle fognature necessarie a ricevere dai nuovi quartieri sorti a nord del centro storico verso Roselle le acque nere destinate al depuratore di San Giovanni?

«Qualcuno dovrà rispondere a queste conclusioni della magistratura grossetana».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati