Amici di Zanzibar e del mondo: ecco come donare il 5x1000 | MaremmaOggi Skip to content

Amici di Zanzibar e del mondo: ecco come donare il 5×1000

L’associazione grossetana da otto anni promuove vari progetti umanitari nell’isola della Tanzania, tra cui l’asilo nido Nursery amici Rafiki Kiwengwa che dal 2020 si occupa anche dei bambini con disabilità
Bambini all’asilo costruito grazie all’associazione Amici di Zanzibar e del mondo

GROSSETO. «L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo». Con le parole di Sofocle, Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo invita i contribuenti a donare il loro 5×1000 all’associazione.

«Da otto anni – spiega Rosanna Rondelli, presidente dell’associazione Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo – ci occupiamo, nell’isola di Zanzibar, di scolarità della prima infanzia, di disabilità inclusiva, di promozione dei progetti idrici e di sviluppo dell’area, di aiuti umanitari e di assistenza sanitaria. Abbiamo cominciato il nostro percorso nel 2012, come gruppo di amici, con la riqualificazione e l’ampliamento della scuola governativa, con l’acquisto di strumenti utili per la salute della popolazione locale, oltre che con la donazione di varie forniture di medicinali all’Ospedalino di Kiwengwa. Dal 2016 poi, a seguito della costituzione dell’associazione, siamo passati al reperimento di strumenti sempre più importanti e utili alla tutela e alla crescita dell’area, come un computer, un ecografo, un apparecchio per l’analisi dell’emocromo, un microscopio, un defibrillatore, un apparecchio per la misurazione della pressione e la centrifuga per gli esami del sangue e delle urine».

Un asilo nido gratuito per i bambini di Kumba Urembo

Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo negli anni, grazie alle donazioni, ha allargato sempre di più il suo raggio di intervento, provando ad abbracciare vari aspetti della vita quotidiana della popolazione locale: «Attualmente – continua Rosanna Rondelli – contiamo la costruzione e la gestione dell’asilo nido gratuito, a Kumba Urembo, un vero e proprio punto di riferimento per la prima infanzia dell’area. Tre classi sono dedicate all’asilo nido, mentre due alla scuola materna. In questo modo possiamo accogliere e dare un’istruzione a tanti bambini che vanno da un’età minima di diciotto mesi a un massimo di sei anni. Allo stesso tempo garantiamo vari progetti di formazione, prevenzione, igiene sanitaria e dentale e di educazione ambientale. Ciò è possibile anche e grazie alla collaborazione dell’Ospedalino di Kiwengwa e della Dental clinic Kitope e Smom Odv».

Dal 2020, inoltre, il progetto educativo si è arricchito dell’inserimento graduale dei bambini con disabilità: «Abbiamo cominciato – spiega la presidente dell’associazione – con i bambini sordomuti, supportati da un’insegnante qualificata e diplomata nella lingua dei segni e del labiale, per arrivare poi a inserire bambini con disabilità cognitive e motorie gravi, grazie anche all’ausilio di un fisioterapista, di tre aiuti alle autonomie e un’aula pensata e attrezzata appositamente per le loro esigenze».

GUARDA IL VIDEO

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da MaremmaOggi (@maremmaoggi)

 

Nuovi posti di lavoro

L’associazione Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo negli anni ha collaborato anche al supporto dell’economia locale, al miglioramento delle condizioni di vita delle famiglie e creando alcuni posti di lavoro: «Abbiamo sostenuto – precisa Rondelli – i progetti di costruzione dei pozzi per garantire l’acqua potabile, fornito attrezzature medicinali per l’ospedale locale e riqualificato le strutture scolastiche. Siamo stati anche impegnati nella distribuzione di beni di prima necessità, come alimenti, vestiti e materiale scolastico per l’orfanotrofio pubblico di Zanzibar e per i villaggi più poveri dell’isola».

Al fianco degli ultimi a Grosseto

Tanta solidarietà e aiuti alle persone in difficoltà che non si limitano solo all’area della Tanzania: «Siamo attivi anche in Italia – conclude Rosanna Rondelli – a Grosseto dove si trova la nostra sede, e sosteniamo con passione e dedizione varie associazioni che si occupano di accoglienza, di ragazze madri, di senza fissa dimora e di tante altre categorie deboli. Auspichiamo dunque di poter ricevere, tramite il 5×1000, tante donazioni per continuare a portare avanti il nostro progetto, procedendo così all’ampliamento dei servizi sanitari e all’allestimento e avvio di un poliambulatorio in uno stabile in disuso da anni, attiguo all’Ospedalino di Kiwengwa. Ovviamente, saremo anche ben lieti di accogliere tutti coloro che vorranno mettere a disposizione le loro competenze o la loro generosità, come volontari, all’interno della nostra associazione».

Ecco come donare il 5 per mille

Per donare il 5×1000 all’associazione Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo è possibile riportare nella dichiarazione dei redditi il codice fiscale 92088320533 nell’apposito spazio, oppure anche nel Cud e consegnarlo a un Caf.

  • Per rivolgere una donazione all’associazione è possibile farla tramite l’Iban IT61O0885114301000000316940.
  • Per associarsi ad Amici di Zanzibar e del mondo Odv/Ngo è possibile cliccare qui: www.amicidizanzibaredelmondo.org/diventa-nostro-socio/.
  • Per diventare volontario è possibile cliccare qui: www.amicidizanzibaredelmondo.org/dieventa-nostro-volontario/.

Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito: www.amicidizanzibaredelmondo.org.

LEGGI ANCHE:

Bambini africani a scuola grazie a due grossetane

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati