Al Grifone non bastano artigli e cuore | MaremmaOggi Skip to content

Al Grifone non bastano artigli e cuore

Solo un pareggio al Fedini contro la Sangiovannese grazie a un diagonale di Mazierli che mette la parola fine alla gara. Biancorossi con il lutto al braccio per ricordare Enrico Marini: deposti due mazzi di fiori per l’anniversario della morte di Viviana e Francesca. Tutti i risultati e la classifica
Le due formazioni in campo

Sangiovannese – Grosseto 1-1 (1-0)
SANGIOVANNESE (4-4-2): Timperanza; Farini, Gianassi, Baldesi, Antezza; Masetti, Massai (44′ st Disegni), Romanelli, Rotondo (36′ st Cicarevic); Benucci (36′ st Nannini), Bartolozzi (48′ st Di Rienzo). A disposizione: Barberini, Orselli, Shenaj, Caprio, Senesi. Allenatore: Athos Rigucci.
GROSSETO (4-2-3-1): Raffaelli; Grasso (29′ st Macchi), Davì, Prati, Aprili (29′ st Saio); Cretella, Sabelli; Riccobono (42′ st Bensaja), Rinaldini (22′ st Sacchini), Romairone; Marzierli. A disposizione: Sclano, Bruni, Russo, Porcu, Nocciolini. Allenatore: Roberto Malotti.
ARBITRO: Ciro Aldi di Lanciano; 1° assistente Paolo Camilli di Roma 1, 2° assistente Andrea Scionti di Roma 1.
RETI: 38′ Rotondo (rig.); 8′ st Marzierli.
NOTE: giornata parzialmente nuvolosa e ventilata, terreno in buone condizioni. Il Grosseto gioca con il lutto al braccio per onorare la figura di Enrico Marini. Cretella e Davì hanno depositato due mazzi di fiori per ricordare Enrico Marini insieme a Viviana e Francesca (29esimo anniversario) sotto il settore ospiti dello stadio Fedini. Ammoniti: Bartolozzi, Baldesi, Cretella, Aprili, Farini, Cicarevic, Massai. Calci d’angolo: 2-3. Recupero: 0′ + 5′.

Test tiepido contro la Sangiovannese

SANGIOVANNI. Nessuna variazione nella formazione del Grifone. Malotti ripropone gli stessi uomini schierati con lo stesso disegno tattico, che ha avuto ragione del Follonicagavorrano. Un test basilare per i biancorossi contro la Sangiovannese rafforzata dagli ex Gianassi e Rotondo. Sulla panchina del Grifone, invece, siede Sacchini, l’ex di casa. Non manca il calore del popolo giunto da Grosseto.

Grifone in rosso vivo, Raffaelli giallo sole, Sangio azzurra, Timperanza grigio, terna gialla.

I tifosi del Grosseto a San Giovanni Valdarno

Prima iniziativa biancorossa al 4′, Sabelli imbecca in area Marzierli, para Timperanza. La replica dei padroni di casa al 5′ con Raffaelli a chiudere sul primo palo il tiro non facile di Massai. Sfida subito spinosa tra formazioni ricche di motivazioni per puntare ai tre punti. Marzierli si eleva come un aliante (7′) deviando di testa vicino ai pali di Timperanza, che intercetta la sfera. Buona tensione nel Grifone, squadra corta, reparti collegati, veloce recupero di palla (11′). Sangiovannese tonica. È il 18′ quando Massai si trova a tu per tu con Raffaelli, in uscita, abile e agile come un giaguaro a rubargli la sfera praticamente dai piedi. Un grosso pericolo per il Grifone.

Il rigore di Rotondo sblocca il risultato

I padroni di casa pungono velocemente in contropiede, si lotta molto nel settore cruciale del campo, il Grifo risponde poggiandosi sull’effervescenza di Rinaldini e Riccobono. Partita aperta. Marzierli alta troppo la mira al 24′ da ottima posizione. Grosseto che preferisce svilupparsi sulla destra, ma si lotta in ogni zolla, ogni ciuffo d’erba (27′). Primo angolo della gara al minuto 33′ in favore dei biancorossi, nulla di fatto. Il Grifone conferma i progressi di una settimana fa. Romairone spedisce un pallone verso Timperanza, che blocca (35′). Rigore per la Sangio al 38′, Davì commette fallo sullo sgusciante Rotondo, batte e trasforma lo stesso Rotondo spiazzando Raffaelli, 1-0. Svista biancorossa, ingenua quanto pesante. Colpito a freddo il Grifo si riporta in avanti con tutti gli effettivi (42′) ma deve rimandare i propositi di replica nel secondo tempo.

Linea difensiva alta e grinta: Mazierli chiude la gara

Ripresa. Nessuna variazione nelle formazioni. Sangio in avanti (5′), Grifone predisposto a costruire gioco alzando la linea difensiva. La meraviglia al minuto 8: Riccobono disegna un pallone splendido per Marzierli, il quale esplode un diagonale che si insacca alla sinistra di Timperanza per il pareggio biancorosso, 1-1.

Risultato più equo. Benucci da fuori area, controlla Raffaelli (14′). Attacca il Grifo, rischiando qualche rapida infilata (16′). Le trame biancorosse interessano tutti i reparti, tutti i protagonisti in campo (20′). La Sangio, comunque, rimane vivace, pronta a sfruttare gli errori di disimpegno biancorossi, che non mancano. Gara che scende di ritmo con il Grifone costantemente alla ricerca del vantaggio (35′).

Arrivano molte punizioni al limite dell’area della Sangio, nessuna viene sfruttata. Sono 5 i minuti di recupero, cinque minuti di speranza per trovare un successo meritato. Il triplice fischio nega la vittoria biancorossa, ma la prestazione è stata solida.

Gli altri risultati

  • Follonica Gavorrano  – Seravezza Pozzi Calcio 3-0
  • Figline 1965  – Vivi Altotevere Sansepolcro 2-0
  • Ghiviborgo VDS – Pianese 1-2
  • Livorno 1915 – Real Forte Querceta 2-1
  • Mobilieri Ponsacco  – San Donato Tavarnelle 0-0
  • Poggibonsi  – Aquila Montevarchi 1-0
  • S.C. Cenaia 1969 – Tau Calcio Altopascio 0-3
  • Sangiovannese 1927 – Grosseto 1-1
  • Sporting Club Trestina  – Orvietana Calcio 0-1

La classifica

  • Pianese 48
  • FollonicaGavorrano 44
  • Livorno 44
  • Tau Calcio Altopascio 42
  • Grosseto 42
  • Seravezza Pozzi Calcio 39
  • Ghiviborgo 39
  • Figline 36
  • Poggibonsi 34
  • Sporting Club Trestina 34
  • San Donato Tavarnelle 31
  • Vivialtotevere Sansepolcro 26
  • Orvietana Calcio 26
  • Sangiovannese 25
  • Aquila Montevarchi 24
  • Real Forte Querceta 21
  • Cenaia 12
  • Mobilieri Ponsacco 12

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati