Aggredito con le catene, il 25enne è stato dimesso | MaremmaOggi Skip to content

Aggredito con le catene, il 25enne è stato dimesso

Il ragazzo ha firmato e ha lasciato l’ospedale: aveva due ferite di arma da taglio sulla mano e sulla coscia. Ricoverata invece la sua compagna, le indagini proseguono
Il sangue sulla soglia di casa della coppia

GROSSETO. Ha firmato ed ha lasciato l’ospedale giovedì 8 marzo, la sera stessa in cui ha subito la brutale aggressione in via Sauro. Il ragazzo, era a casa della sua compagna.

Il 25enne di origini tunisine, colpito alla testa e addosso con spranghe e catene, è tornato a casa: per lui la prognosi è di 30 giorni. 

Tagli sulla mano e sulla coscia

C’era sangue dappertutto, nella casa in via Sauro dove la coppia si trovava quando tre ragazzi, tutti di origini nordafricane, hanno fatto irruzione dopo aver buttato giù la porta. 

Il 25enne è stato colpito alla testa e addosso: nel pestaggio, ha riportato due ferite da arma da taglio. Una al dorso della mano destra, l’altra alla coscia destra. I medici hanno dovuto mettergli anche dei punti di sutura al volto. 

Una volta firmate le dimissioni, il ragazzo è stato fatto uscire dall’ospedale e affidato ai carabinieri. 

Ricoverata la sua compagna

Venerdì 8 marzo, in mattinata, l’ambulanza e la volante della polizia sono andate di nuovo all’abitazione in via Sauro, dove il giorno prima si era consumata la spedizione punitiva. 

La compagna del venticinquenne, una grossetana di poco più di 40 anni, è stata portata all’ospedale. È stata la mamma della donna a chiedere l’intervento dell’ambulanza. La figlia aveva avuto un malore. 

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati