Accoltellato alla stazione, il 20enne resta in carcere | MaremmaOggi Skip to content

Accoltellato alla stazione, il 20enne resta in carcere

Il ragazzo è accusato di tentato omicidio: con una coltellata ha perforato il polmone di un 35enne. L’aggressione sarebbe stata collegata alla rissa in via della Pace
Controlli dei carabinieri alla stazione di Grosseto
I carabinieri alla stazione

GROSSETO. Resta in carcere il ventenne fermato dai carabinieri giovedì 21 dicembre, con l’accusa di tentato omicidio, per aver ferito con diverse coltellate un trentacinquenne nella zona della stazione lunedì 18 dicembre. 

Lo ha deciso la giudice per le indagini preliminari Cecilia Balsamo, che venerdì 22 aveva celebrato l’udienza di convalida del fermo disposto dalla procura ed eseguito dai carabinieri del nucleo investigativo, che hanno svolte le indagini a tempo di record. 

Coltellata potenzialmente mortale

Iskander Otay, ventenne di origini tunisine senza lavoro e senza fissa dimora in città, difeso dall’avvocato Gabriele Dell’Unto del foro di Pisa, è accusato di tentato omicidio: la sera del 18 dicembre, intorno alle 19, avrebbe colpito alla schiena un connazionale trentacinquenne, nella zona della stazione. La lama, ha perforato il polmone dell’uomo, che è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale Misericordia di Grosseto. 

Ferita, quella alla schiena, che poteva uccidere il trentacinquenne. 

Di fronte alla giudice Balsamo, nel corso dell’udienza di convalida, il ventenne ha negato di aver voluto uccidere il 35enne. Insieme a Otay, è finito nei guai anche un 17enne. Di lui, se ne occupa la Procura dei Minori di Firenze. 

Prima le bottigliate in via della Pace, poi l’aggressione alla stazione

I carabinieri, che stanno ancora indagando per chiarire i contorni dell’aggressione, hanno unito i puntini di un lunedì di violenza in città, cominciato intorno alle 18 con una rissa scoppiata all’angolo tra via Aquileia e via della Pace nella quale sono state coinvolte 4 persone. Due uomini sono finiti all’ospedale. 

Da via della Pace, quindi, si sarebbe arrivati nella zona della stazione, dove in cinque avrebbero circondato un 35enne, anche lui di origini tunisine, che avrebbe cercato di allontanarsi. Non ce l’ha fatta: le coltellate lo hanno ferito alle gambe. L’ultimo fendente, era stato vibrato invece alla schiena. 

In piazza della stazione era scattato l’allarme ed era intervenuta l’ambulanza del 118 per soccorrere l’uomo e i carabinieri. 

I militari della compagnia di Grosseto, insieme ai colleghi del nucleo investigativo, avevano raccolto subito le testimonianze delle persone che si trovavano in paizza Marconi e che avevano assistito all’aggressione. 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati