A piedi, alla scoperta della Diaccia Botrona | MaremmaOggi Skip to content

A piedi, alla scoperta della Diaccia Botrona

L’escursione, organizzata dalle guide ambientali dell’associazione I Camminatori liberi, è adatta a grandi e piccini. Ecco come partecipare
La Diaccia Botrona
La Diaccia Botrona

CASTIGLIONE DELLA PESCAIA. Un viaggio in mezzo alla natura e sulle tracce della storia dell’antico Lago Prile, nel cuore della Diaccia Botrona a Castiglione della Pescaia. Un’escursione a piedi, per camminare come sospesi sulle sue acque, in mezzo a una delle aree umide più importanti d’Europa, popolata da una incredibile varietà di uccelli acquatici: dai fenicotteri agli aironi, dai più conosciuti germani reali al maestoso falco pescatore. Un paesaggio prezioso, tutelato dal 1971 nella riserva naturale della Diaccia Botrona.

La passeggiata, in programma domenica 15 gennaio, è organizzata dall’associazione di guide ambientali “I camminatori liberi”.

«La Maremma è stata a lungo sinonimo di terra inospitale e malsana. Di diversa opinione furono invece i Romani che qui trovarono un luogo ameno: un lago ricco di pesci, utile per il sale e talmente vasto da poter essere sfruttato come via di comunicazione. Basta la voglia di esplorare e binocolo a portata di mano, pronti per assaporare questo luogo, unica memoria della palude che fu la Maremma», spiegano gli organizzatori.

Come partecipare

Escursione a difficoltà medio/facile adatta a grandi e piccini! Per partecipare basta inviare una mail a icamminatoriliberi@gmail.com, oppure contattare direttamente le guide (Martina, Michela e Viviana al 3881839702). Tutte le info sul sito dell’associazione.

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati

error: Content is protected