Volontaria muore a 59 anni | MaremmaOggi Skip to content

Volontaria muore a 59 anni

Sabrina si occupava dei quattro zampe più anziani per varie associazioni di volontariato. Lavorava al bar dell’ospedale Misericordia: il cordoglio della Lega nazionale per la difesa del cane
Sabrina Ciardelli
Sabrina Ciardelli

GROSSETO. Era sempre dietro al bancone del bar dell’ospedale Misericordia con il suo sorriso, che non faceva mai mancare a nessuno quando serviva il caffè. Ed era sempre con un cane al guinzaglio o con un gatto, ai quali non ha mai fatto mancare il suo amore. 

Sabrina Ciardelli era così: aperta verso gli altri, disponibile, sempre pronta ad aiutare chi aveva bisogno. Tanto che ha sempre aiutato le associazioni animaliste di Grosseto, prendendo in stallo i cani più anziani. Quelli più difficili da gestire ma anche quelli più bisognosi di affetto. 

Originaria di Vinci, in provincia di Firenze, la donna viveva a Grosseto dove lavorava da anni al bar dell’ospedale Misericordia

Se n’è andata martedì 9 gennaio, uccisa da una malattia, prima di compiere 59 anni. 

Il cordoglio dell’associazione

La notizia della morte di Sabrina ha lasciato tutti senza fiato. È stata la Lega nazionale per la difesa del cane a volerla ricordare, con un messaggio affettuoso rivolto alla famiglia della donna che ha visto il suo sorriso spegnersi. 

«Oggi è un giorno davvero triste per tutti noi, una grande amica, una donna splendida, una meravigliosa adottante ed anche straordinaria volontaria, ci ha lasciati.
Si rimane increduli di fronte ad un così ingiusto destino e non possiamo che pensare che il mondo oggi perde davvero troppo.
Negli anni ha reso felici tanti cani e gatti, tutti scelti tra gli ultimi, gli anziani, i rifiutati, gli abbandonati ed ha saputo dare loro una vita degna di essere vissuta e ricca di amore e gioia.
Ci stringiamo alla sua famiglia, a sua sorella, ai suoi genitori, ai suoi cani ed alla sua gattina.
Ciao Sabrina, grazie per tutto quello che hai fatto, lasci tanto amore e un ricordo indelebile in tutti noi».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati