Un caffè, una schedina, ruba il vino e scappa | MaremmaOggi Skip to content

Un caffè, una schedina, ruba il vino e scappa

Il cliente del locale si è portato via una bottiglia del valore di 250 euro ed è stato pizzicato dalle telecamere di sicurezza. All’ordine successivo dell’attività, il produttore, ha fatto recapitare un Amarone in più
Ruba vino nell'enoteca di Stiacciole
A sinistra il cliente nel locale prima di rubare la bottiglia, a destra l’etichetta di Amarone portato via

GROSSETO. Neanche il tempo di riordinare le bottiglie, che l’Amarone Destinée Rubinelli Vajol era sparito. Al “BarEnoteca Le Stiacciole” stavano riordinando quella sezione dei vini ed è bastato distogliere l’attenzione un attimo che quella bottiglia della Riserva 2010 non c’era più.

Con lei era sparito anche quel cliente che fino a quel giorno, nessuno aveva ancora visto lì dentro. La visione di quanto le telecamere di sicurezza avevano ripreso, ha dato un chiaro responso: era stato proprio quel nuovo cliente a portarsi via la bottiglia dal valore di 250 euro. «Era una persona un po’ in avanti con l’età, non un giovane insomma – dicono dall’enoteca – era la prima volta che lo vedevamo nel locale».

Prima di commettere il furto, l’uomo ha preso un caffè e giocato una schedina, probabilmente per cercare di spacciarsi come un cliente qualsiasi. «Per come ha rubato quell’Amarone diremmo che sia avvezzo a fare queste cose: ha scelto la bottiglia di quel produttore che costava di più – sottolineano dall’enoteca – Non vogliamo scendere nei dettagli ma lo ha fatto in un modo talmente meschino che ci ha davvero stupiti».

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da BarEnoteca Le Stiacciole (@enoteca_lestiacciole)

I titolari del BarEnoteca hanno subito denunciato ai carabinieri quanto accaduto, scrivendolo anche in un post su Instagram. «Non abbiamo più rivisto quella persona – dicono dal locale – abbiamo sporto denuncia ai carabinieri e gli abbiamo mostrato le immagini. Siamo rimasti sorpresi, non ci aspettavamo che succedesse una cosa simile in una Grosseto che fondamentalmente credevamo di conoscere. Probabilmente la città è cambiata più in fretta di quanto credevamo».

Dall’amarezza al nuovo Amarone

La notizia del furto è arrivata anche alle orecchie del produttore di quel pregiato Amarone, Rubinelli. Rimasto colpito da quanto successo a Stiacciole, nell’ultima fornitura inviata recentemente al BarEnoteca ha fatto recapitare una bottiglia di Amarone in più. «La bassezza di quel furto purtroppo rimane un dato di fatto – concludono dall’enoteca – Fortunatamente ci sono ancora persone come Rubinelli che, anche senza che nessuno glielo dica, sono capaci di gesti nobili come questo».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati