Tecnico informatico muore a 35 anni | MaremmaOggi Skip to content

Tecnico informatico muore a 35 anni

Luca Citterio aveva lasciato Milano anni fa per vivere in Maremma: dopo aver lavorato in agricoltura, aveva vinto il concorso a Netspring. Il dolore dei colleghi
Luca Citterio

GROSSETO. Aveva lasciato Milano, perché la dimensione della città non lo rendeva più felice e aveva scelto di trasferirsi in Maremma, terra della quale era innamorato. Era stata una scelta radicale, la sua: da ex tecnico informatico che dirigeva una grande azienda lombarda, aveva deciso di cambiare vita e lavorare in agricoltura

Per un po’ di tempo, la sua vita aveva cominciato a scorrere al ritmo della natura. Poi però, la vecchia passione per l’informatica si era rifatta avanti. E lui aveva partecipato e vinto il concorso bandito da Netspring, la società in house della Provincia e dei Comuni della Maremma, che si occupa dei sistemi informatici

Luca se n’è andato giovedì 28 marzo, a soli 35 anni. Ucciso da una terribile malattia

Il dolore dei colleghi

La notizia della morte di Luca Citterio ha lasciato senza fiato i suoi colleghi di Netspring. «Era molto preparato – dicono – aveva voluto cambiare vita, qualche anno fa, ed era arrivato in Maremma. Era una persona davvero speciale». 

La salma di Luca è esposta  nella camera ardente allestita nella Casa funeraria Rocchi, sita in via dell’Olocausto 15 a Grosseto fino a sabato 30 marzo alle ore 14.30, quando sarà trasferita al Tempio crematorio. 

Luca lascia la compagna, Carolina, i genitori, Angelo e Antonio e i fratelli. 

«Ciao Luca, un collega, un amico sempre presente, ancora increduli ci stringiamo con un grande abbraccio alla famiglia e a Carolina – scrivono i colleghi di Netspring – 
Ci mancherà la tua correttezza, la tua professionalità, l’infinita disponibilità e quella tua grande precisione spesso oggetto di scherzi e risate, hai lasciato un grande vuoto in azienda e nei nostri cuori». 

 

 

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati