Riapre l'ingresso principale di Villa Pizzetti | MaremmaOggi Skip to content

Riapre l’ingresso principale di Villa Pizzetti

Segnali di normalità. Dopo due anni di pandemia, riaprirà l’ingresso principale di Villa Pizzetti. Ma proseguirà l’attività di drive through per i tamponi molecolari
L'ingresso di Villa Pizzetti
L’ingresso di Villa Pizzetti

GROSSETO. Dopo due anni di pandemia, altri segnali di ritorno alla normalità. La sede Asl di Villa Pizzetti, dove sono svolti alcuni servizi al cittadino, da lunedì 7 novembre riapre il suo ingresso principale in via Cimabue 109, chiuso al passaggio del pubblico durante la pandemia da Covid per l’accesso esclusivo al percorso tamponi in modalità drive through.

L’ingresso da via Cimabue sarà aperto dalle 7 alle 19, dal lunedì al venerdì. Il sabato e la domenica invece, sarà possibile accedere dall’ingresso posteriore in via Mantegna.

Un ritorno alla normalità

«Con questa apertura si ripristina al periodo pre pandemico l’accoglienza dell’utenza, che si reca alla struttura di via Cimabue – spiega Tania Barbi, direttore della Zona distretto Amiata Grossetana, Colline Metallifere e Grossetana – Pur mantenendo alta l’attenzione verso i percorsi Covid, proseguendo l’attività di drive through per i tamponi molecolari e antigienici, c’è volontà di garantire il consueto accesso al pubblico di Villa Pizzetti, prestando particolare attenzione anche all’estetica del parco che ha avuto nell’ultimo periodo diversi interventi di riqualificazione. Nell’interesse dei cittadini, inoltre, già da qualche settimana è attivo anche il nuovo front-office all’ingresso principale della struttura che garantisce informazioni e orientamento sui servizi erogati».

«Il ripristino dell’entrata principale al complesso di Villa Pizzetti segue la riorganizzazione della viabilità all’interno del parco, già conclusa – dichiara Riccardo Antonelli, direttore dipartimento Tecnico della Asl Toscana sud est – In tal modo si ristabilisce la normalità con l’accesso al pubblico come era prima della pandemia».

Riproduzione riservata ©

Condividi su

Articoli correlati